Agartala, la prima città solare dell’India

di Chiara Greco del 8 ottobre 2012

Mentre l’avanzamento delle energie rinnovabili continua un po’ in tutto il mondo a ritmo di nuove tecnologie e idee legate alle forme pulite di energia, anche nei paesi in forte crescita economica si cominciano a trovare sistemi più in linea con le strategie green per ridurre il consumo energetico.

E’ (anche) il caso dell’India, dove da poco il Ministero dell’Innovazione e delle Energie Rinnovabili ha proposto un cambiamento radicale che inciderà sul consumo energetico di un’intera regione. Nello stato di Tripuria, nel nord- est indiano, è stata proposta dal ministero dello Sviluppo Urbano una vera e propria rivoluzione degli impianti energetici che trasfomerà l’appriovvigionamento elettrico di una serie di città trasformandole in “città solari”.

Con un finanziamento di circa 60 milioni di euro -4,52 miliardi di rupie- l’Autorità per lo Sviluppo delle Energie Rinnovabili della Tripuria ha deciso di far partire il piano di realizzazione della prima città solare, nella capitale Agartala, convertendo gli impianti elettrici tradizionali di hotel, asili, ospedali, uffici governativi, abitazioni e templi, in impianti alimentati da energia solare.

Con l’installazione di 66 mila impianti di riscaldamento dell’acqua e 80 mila lanterne solari nelle campagne, il piano ministeriale è quello di espandere all’intera regione la conversione al solare iniziata nella sua capitale.

Il piano però non si fermerà qui. In futuro infatti, nel progetto sostenibile indiano, verranno comprese altre 60 città della Tripuria, tra cui Mizoram, Assam, Manipur, Arunachal Pradesh e Nagaland, coinvolgendo anche i villaggi tribali e le aree rurali. Presente all’inaugurazione del primo impianto solare da 50 kilowatt/ora installato negli uffici municipali di Agartala, Manik Dey, ministro dello Sviluppo Urbano, afferma: “La crisi elettrica non può essere risolta nel paese a meno di usare energia non convenzionale come quella solare in modo ampio”.

Leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

{ 1 trackback }