Notizie

Anche la coltivazione di marjuana distrugge la foresta nigeriana

Un nuovo pericolo incombe sulla già bistrattata foresta nigeriana: la coltivazione di marijuana illegale, che già sta procedendo a ritmi serrati dal 2010.

Anche la coltivazione di marjuana distrugge la foresta nigeriana

Nel 2012, il Delta Forest Project Southwest / Niger ha indagato su nove riserve forestali per scoprire che nel biennio 2010-12 oltre la metà della deforestazione è stata causata proprio dalle sempre più invasive piantagioni di cannabis sativa, mettendo sempre più a rischio le condizioni degli scimpanzé che popolano l’area tra Nigeria e Camerun, considerata la più devastata dal fenomeno.

La situazione in cui versa la Nigeria, il cui territorio è già distrutto dallo sfruttamento petrolifero e del legname, è peggiorata dall’azione dei coltivatori di marijuana, che sovente radono al suolo e bruciano grandi porzioni di verde di terra per piantare il loro raccolto. Infatti la marijuana ha bisogno di almeno 12 ore di luce per crescere e non può rimanere nessun’altro tipo di pianta accanto che ne comprometterebbe il raccolto.

L’habitat di molti animali è così irrimediabilmente compromesso e la foresta stessa indebolita dalla riduzione dei suoi margini. Inoltre, le colture spesso ricevono trattamenti di fertilizzanti chimici, erbicidi e pesticidi, che possono avere effetti deleteri per l’ecosistema circostante.

Perché proprio la marijuana? Perché tale coltivazione genera utili entro 6-8 mesi dalla semina e rende fino a 3 volte di più di altre colture destinate a scopi alimentari.

Naturalmente si guarda al profitto e non certo alla distruzione della foresta e del mondo che ne fa parte…

Leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button