Notizie

Ancora sulle angurie esplosive in Cina

Se ne era parlato per la prima volta lo scorso Maggio nel Forum di Tuttogreen, dove veniva ripresa una notizia via BBC: nell’est della Cina, i contadini delle campagne intorno a Danyang, nella provincia dello Jiangsu, credevano di aver trovato il modo di incrementare la loro produzione di angurie accelerandone la crescita e, invece, l’unico risultato ottenuto è stato campagne devastate e raccolto da buttare.

Ancora sulle angurie esplosive in Cina

Le angurie crescevano sì veloce… ma finivano con l’esplodere letteralmente.

Alcune angurie esplosive in primo piano

La causa – ora è ufficiale – è da attribuire all’abuso nell’impiego di forchlorfenuron, sostanza chimica che accelera la crescita delle piante: i contadini ne hanno spruzzato in maniera spropositata e per un tempo prolungato causando cosi la rovina dei raccolti.

Le fattorie coinvolte sono almeno 20: le angurie apparivano deformi e fibrose, con i semi di colore bianco invece che nero.

La tv cinese CCTV ha addirittura descritto le campagne come “infestate da mine terrestri”: un fenomeno che ha attirato l’attenzione della stampa internazionale, specialmente nei primi tempi, quando il fenomeno delle angurie esplosive era circondato da un alone di mistero.

Altro particolare delle angurie esplosive cinesi

In Cina, purtroppo, l’utilizzo smodato di fertilizzanti e pesticidi in agricoltura è un’azione alquanto comune: legali o illegali che siano gli additivi vengono impiegati con lo scopo di rendere i prodotti più appetibili ed incrementare così le vendite.

Alcune autorità non vietano l’utilizzo di agenti chimici come il forchlorfenuron, che negli Stati Uniti viene impiegato nella coltivazione di kiwi e uva. E’ evidente che la Cina necessiti di un miglioramento della normativa in materia di agenti chimici in agricoltura: lo deve alla salute dei cittadini che va tutelata con maggiore riguardo.

Dal Forum di Tuttogreen:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button