Arriva la Generazione Zero: less is more

di Federico del 3 Novembre 2010

Vi segnaliamo un’interessante articolo di Repubblica che descrive la nuova tendenza che sta emergendo fra i giovani di New York e Londra: Generazione Zero, less is more

Arriva la Generazione Zero: less is more

Dopo anni che i loro genitori hanno passato la vita ad accumulare oggetti i giovani della Generazione Zero tendono invece e fare esattamente l’opposto: non accumulare nullo, vivere in una condizione di minimalismo sui beni fisici posseduti, fatto salvo per il PC o Mac, l’iPhone e la connessione alla rete  tutto il resto è  per loro “inutile”.

Nell’articolo si citano testimonianze di ragazzi con 3 tshirt, due paia di jeans e basta, che però possono spostarsi da una parte all’altra degli Stati Uniti in 1 giorno dato che il loro trasloco si può comodamente fare con 1 scatola di cartone.

Potremmo dire che la “Generazione Zero: less is more” nasce come reazione di “nausea” dal consumismo imperante e non ci si allontana di molto dalla realtà. Generazione Zero: less is more

Che ne pensate della Generazione Zero? è una moda temporanea o rimarrà?

Personalmente sono ovviamente favorevole alla riduzione degli inutili oggetti di cui i media vogliono convincerci che non si possa a fare a meno per vivere.

La rete Internet ha aperto una nuova dimensione di apertura mentale e libertà e credo che difficilmente si tornerà indietro ma è per ora una rivoluzione ancora di pochi, giovani, di cultura medio alta.

La coda ad esempio che ho visto ieri di 10 km a raggio intorno ad un mostruoso centro commerciale in Brianza non mi conforta molto in questo….;-(

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment