Categories: Notizie

Arriverà anche il ticket per le Dolomiti?

Dopo l’Area C di Milano, il ticket per il passo dello Stelvio, arriverà presto anche il pedaggio per le Dolomiti?

E’ quello che vuole istituire l’Assessore al Traffico della provincia di Bolzano, Florian Mussner. “Le auto dovranno pagare 15 euro di pedaggio e le moto 5 euro, per visitare le nostre bellissime montagne“, stando a quanto dichiarato dal politico al quotidiano Tageszeitung.

Certamente la recente nomina delle Dolomiti a Patrimonio dell’Umanità da parte dell’UNESCO ha imposto maggiore attenzione alla salvaguardia di questa regione, a rischio per la fragilità della dolomia, che continua a portarsi via pezzi di montagne, e per le “orde” di turisti che girano per le strade di montagna, inquinando l’aria sottile di queste altitudini.

Alternative più sostenibili sarebbe istituire un servizio di navette e pool car che limitasse il numero di vetture che accedono a queste montagne, specialmente nei periodi più “vacanzieri”.

Come sempre, c’è chi grida che questa iniziativa ucciderà il turismo e che sia tutta una macchinazione per guadagnare di più con un balzello che finisce solo nelle tasche dell’amministrazione locale. Certo è, che la manutenzione di queste strade, chiuse d’inverno per la neve, e aperte solo d’estate, è molto costosa anche per una regione ricca come il Sud Tirolo. Da qui nasce l’esigenza di avere un aiuto economico concreto per gestire i passi più conosciuti e amati dai turisti: come il Passo Gardena e il Passo del Sella e di Campolongo e magari sul Passo Pordoi.

Staremo a vedere cosa succederà ma il problema dell’inquinamento resta comunque uno dei punti dolenti che minacciano la preservazione delle nostre splendide ma fragili Dolomiti.

Leggi anche altri articoli sull‘inquinamento e lo smog come minaccia per la natura e l’uomo:

Outbrain

View Comments

  • io penso che ci vogliano dei servizi navetta ben organizzati 24ore su 24 in modo da dare lavoro a persone...se in più si effettua con Pulmini/bus elettrici a mio parere sarebbe perfetto.
    è vero ci sarebbero delle spese iniziali gigantesche ma se si vuole preservare lo stato montano penso che sia la scelta più consona e sensata.

Share
Published by
Rossella

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.