Notizie

ATM Milano inaugura a S.Donato il nuovo deposito green!

Milano guarda sempre più dritta e convinta in direzione della sostenibilità ambientale e di un utilizzo intelligente delle nuove tecnologie. Sfruttando la spinta dinamica e le risorse messe a disposizione per Expo 2015, la municipalità inizia a togliere i veli alle sue nuove infrastrutture. Ai primi di maggio, per esempio, è stato inaugurato il nuovo deposito dei veicoli della società trasporti milanese ATM a San Donato, inserito all’interno di un polo viabilistico tra più importanti dell’hinterland milanese.

ATM Milano inaugura a S.Donato il nuovo deposito green!

Qui infatti si intrecciano mobilità pubblica e privata: autostrade, tangenziali, strade statali, linee bus e ferroviarie, la linea gialla del metrò, infine lo scalo aereo di Linate. L’impianto, ampio 65 mila metri quadri e capace di offrire spazio a 250 mezzi e 300 dipendenti, punta dritto a migliorare l’interscambio tra la periferia e il centro della metropoli. Ma nei 28,5 milioni spesi dall’azienda dei trasporti milanese troviamo anche una forte attenzione per l’ambiente.

Il tetto del deposito ne è l’esempio più eclatante. Sulla sua superficie un impianto fotovoltaico consente di produrre energia per alimentare parzialmente la metropolitana, con una riduzione di CO2 di 185 tonnellate all’anno.

Così come gli impianti di riciclo delle acque e le soluzioni di risparmio energetico per le palazzine degli uffici realizzate in classe B insieme alle strutture per la co-generazione a metano.

A S.Donato, inoltre, saranno ospitati i primi bus ad idrogeno in dotazione a Milano ed in tutta Europa. Inserimenti che rientrano in un piano di rinnovamento della flotta sempre più attento alla voce emissioni. Tra le novità, sono stati presentati anche 25 nuovi Ecobus EEV (Enhanced Environmentally Friendly Vehicles) che si caratterizzano per livelli di CO2 inferiori agli standard Euro 5.

Gli sforzi dell’azienda municipalizzata iniziano insomma a produrre i primi risultati concreti.

Articoli correlati:

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button