Notizie

Barriera corallina distrutta: Manila chiede risarcimento agli USA

È un maxi-risarcimento quello chiesto dal Governo Filippino agli Stati Uniti per i gravi danni causati alla barriera corallina in una zona di mare protetta dalla nave da guerra americana ‘USS Guardian’. Una richiesta da circa 1,4 miliardi di dollari formulata sulla base degli studi elaborati da diverse agenzie filippine sul tratto di mare interessato in cui la nave americana avrebbe danneggiato – incagliandosi il 17 gennaio scorso in seguito ad una manovra definita ‘non standard’ – 2.345 metri quadrati di barriera dell’area protetta di Tubbataha.

Barriera corallina distrutta: Manila chiede risarcimento agli USA

La missiva contenente la richiesta di risarcimento è già pronta per essere spedita dalla sovrintendente Angelique Songco che ha parlato di “legittima richiesta” e di “iter di risarcimento molto semplice e lineare” che è inevitabile attivare in seguito al grave danno causato nel sito del Mare di Sulu, Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

E INTANTO, NELLE FILIPPINE: La Polizia? Pianterà alberi….

Intanto, i quattro marinai della ‘Uss Guardian’, compreso il comandante, sono stati sollevati dai rispettivi incarichi, ma le indagini sulla loro condotta a bordo della nave continueranno per chiarire le dinamiche dell’accaduto. Lo scafo, infatti, si sarebbe incagliato durante una manovra azzardata, sollevando letteralmente un pezzo di barriera corallina; per rimuoverlo dall’acqua è stato necessario tagliarlo in quattro sezioni da 250 tonnellate circa.

C’è da dire che la Marina Militare Americana si è subito prodigata per supportare al massimo le operazioni di pulizia e bonifica dell’area attivate dalla Guardia Costiera filippina che ha rimosso tempestivamente residui di petrolio o sostanze nocive riversate in acqua durante le operazioni di salvataggio.

CURIOSITA’: Come ti trasformo l’aereo in una barriera corallina artificiale

Oltre ad essere uno dei tratti di mare più suggestivi e incontaminati del mondo, il sito di Tubbataha è anche un luogo di nidificazione per uccelli e tartarughe marine. Per fortuna, il rischio contaminazione è stato scongiurato ma l’episodio rischia di diventare un ‘caso’ diplomatico.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close