Berlino: nasce la prima boutique di abbigliamento vegano

di Elle del 21 novembre 2011

Anja e Sandra Umann, due sorelle nate a Dresda 33 anni fa, dopo aver lavorato nel settore tradizionale dell’abbigliamento hanno deciso di cambiare rotta.
Pur rimanendo nello stesso settore produttivo, le due giovani berlinesi hanno voluto dare vita alla prima boutique 100% cruelty free: i vestiti prodotti, infatti, sono simili a quelli venduti negli altri negozi ma, in realtà, sono l’esito di una scelta che esclude qualsiasi materiale di origine animale.

Berlino: nasce la prima boutique di abbigliamento vegano

Banditi allora lana, cashmire, seta e pelle per far spazio a materiali che non siano il frutto dello sfruttamento e della sofferenza di altri esseri senzienti.
Lo stimolo ad intraprendere questa attività professionale parte senza dubbio da una sensibilità delle due sorelle, già vegane, che sentivano una profonda incoerenza nell’utilizzare prodotti di origine animale, del tutto assenti nella loro dieta alimentare, per il confezionamento degli abiti di alta moda.

Grazie al loro sforzo la clientela, non sempre vegan ma sensibile alle problematiche legate al dominio dell’uomo sugli animali, ha la possibilità di vestirsi in modo non cruento.

Anche in Italia esistono punti vendita che fanno del cruelty free il proprio vessillo: è il caso, ad esempio, de ‘Il gatto con gli stivali’ un negozio di accessori e calzature vegan presente a Roma e di cui abbiamo già parlato in precedenza.

Ci auguriamo allora che sia stato inaugurato un trend positivo a livello internazionale ed in ogni caso se volete visitarla, questo è l’indirizzo:

Umasan
Indirizzo: Linienstraße 40, 10119 Berlino

Articoli correlati:
Scarpe eco-friendly: nuove proposte di calzature amiche dell’ambiente
Scarpe biodegradabili ecologiche: Oat Shoes dopo l’uso si possono piantare!
Non solo la dieta ma anche le borse ora sono “vegane”

Per trovare prodotti vegani attorno a te usa anche:
La mappa dei negozi bio in Italia

{ 1 comment… read it below or add one }

bea novembre 21, 2011 alle 10:28 am

ma i prezzi?? l’importante e’ che non facciano come i prodotti gastronomici per vegani sono carissimi.. cosi’ qualcosa di bello e altruistico si trasforma in privilegio per ricchi !

Rispondi

Leave a Comment

{ 1 trackback }