Categories: Notizie

Vuoto a rendere, perché in Italia non decolla?

Torna ad accendersi in Italia il dibattito sulla gestione degli imballaggi e più precisamente sul tema del ‘vuoto a rendere’ e sul perché, nel nostro paese, questa opportunità non sia ancora stata colta. La maggior parte dei materiali, infatti, finiscono in discarica pur essendo perfettamente riutilizzabili e ciò comporta un danno economico e ambientale non indifferente. In questi ultimi mesi la questione ha tenuto banco anche in sede ministeriale, ma la strada verso una normativa condivisa e adeguata alle esigenze del mercato e degli operatori del settore sembra essere ancora lontana.

Eppure un sistema di recupero efficiente, se applicato a tutti i livelli della filiera, produrrebbe  un sgravio economico notevole andando a incidere positivamente sui costi degli imballi ottenuti da attività di recupero; parallelamente indurrebbe i consumatori a mantenere comportamenti più virtuosi e sgraverebbe la collettività e l’ambiente di un’enorme quantità di rifiuti, il che vorrebbe dire meno emissioni, discariche più sgombre e risparmio di materie prime.

In Germania il 50% dei 32 miliardi di contenitori per bevande è venduta in bottiglie di vetro riciclabili (88% nel caso della birra). Perché mai l’Italia non può seguire la stessa strada? Il caso tedesco è stato più volte citato come esempio di un sistema virtuoso che potrebbe essere emulato anche nel nostro paese: i produttori pagherebbero una cauzione di 20/25 centesimi per ogni bottiglia immessa sul mercato per poi rivalersi sul soggetto acquirente e, per finire, sul consumatore finale; quest’ultimo, restituendo l’imballaggio, riavrebbe indietro il deposito cauzionale o un titolo d’acquisto proporzionale al vuoto reso al venditore al dettaglio. La proposta ha generato molte perplessità, ma ha anche incontrato l’appoggio di Legambiente, Federambiente e alcune associazioni di categoria che si dicono pronte ad rendere operativo il provvedimento.

Tra le solite, interminabili discussioni parlamentari, speriamo soltanto che i vertici del governo individuino una linea d’azione che metta d’accordo tutti per far sì che questa grande opportunità non si trasformi, come spesso accade, nell’ennesimo problema.

Vedi anche:

Outbrain

Share
Published by
Erika Facciolla

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.