Camouflage: come ti cammuffo la stanza d’hotel…

di Salvo del 17 agosto 2011

Camouflage è un progetto di interior design pensato per il mondo dell’hotellerie, in cui le tracce dell’uomo e della natura si fondono in un unico segno, interno ed esterno si compenetrano in un flusso di reciproco scambio, spazio abitativo e territorio si integrano in un rapporto di osmosi.

Camouflage, il concept presentato dallo studio de-signum, rappresenta la sintesi tra spazio abitativo e territorio, poiché con esso stabilisce un rapporto di perfetta mimesi: pareti perimetrali che diventano una membrana; una pelle disegnata e segnata da venature di foglie in controluce, proiettate su lastre di pietra leccese che conferiscono linfa vitale allo spazio. Camouflage

Camouflage  è anche un modulo abitativo a basso impatto ambientale che permette al turista di vivere a stretto contatto con la natura, senza rinunciare a tutti i comforts della propria abitazione.

Dedicata al territorio pugliese ma declinabile ad altre realtà territoriali dove è possibile creare nuovi scenari, l’idea parte dallo stelo di una foglia che viene proiettato sulle pareti del modulo come verde verticale e va ad alternarsi alla pietra leccese e al vetro, così da mimetizzarsi nel territorio richiamandone i colori.

La natura viene trasportata anche all’interno tramite l’utilizzo di “muschio” negli arredi, come il tavolino della zona living, le lampade e ancora attraverso la presenza di due piccoli giardinid’inverno.

Un’atmosfera creata dai colori, dai materiali e dagli arredi, volta ad amplificare il senso di benessere di quello che non è un semplice soggiorno. Per enfatizzare maggiormente il legame tra interno ed esterno il concept presenta ampie superfici vetrate lungo il perimetro laterale e dei lucernari sul soffitto che permettono di sfruttare al massimo l’illuminazione.

Spazio abitativo e territorio danno vita ad una nuova dimensione del concetto di accoglienza.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment