Categories: Cani

Speciale sui cani a pelo corto

La guida pratica e l'elenco delle principali razze

I cani a pelo corto sono piuttosto semplici da gestire, quantomeno per l’aspetto igienico e la toelettatura.
Rispetto ai cani a pelo lungo, perdono poco pelo e sono più facili da lavare e da tenere in ordine. Inoltre, non vanno spazzolati ogni giorno.

Si tratta di una buona scelta se si vogliono razze di cani che non riempiono di peli la casa piena di peli e non si ha molto tempo. Di norma, si considera a pelo corto una lunghezza del mantello canino che non supera i 4 cm.
Andiamo a scoprire tutti i tipi più interessanti.

I vari tipi di pelo corto

Ci sono vari tipi di mantello, seppur corto, e alcune razze addirittura sono senza, nudi! A ciascuno va dedicata una toilette differente. Vediamoli meglio.

Cani a pelo raso e duro

Questi cani hanno un mantello rigido, raso e ruvido e non perdono pelo, per questo sono spesso preferiti dagli allergici.

Questo manto richiede comunque del tempo per essere curato, anche perché a volte è necessario rimuovere i peli morti con una pinzetta. Questo stimola la pelle e le permette di far crescere un pelo nuovo e sano che aiuterà a dare al cane un aspetto lucido ed elegante.

Tra questi le razze più conosciute sono l’Affenpinscher, il Border Terrier, il Griffone di Bruxelles, il Dandie Dinmont Terrier, l’Irish Terrier, l’Otter Dog, lo Scottish Terrier ed il West Highland Terrier.

Il Griffone di Bruxelles, un cane poco conosciuto, dal caratteristico barbino sul muso

Cani a pelo semi-lungo

I cani con un mantello semi-lungo sono un eccellente compromesso: combinano la protezione dal freddo della pelliccia più lunga con la bassa manutenzione di quella corta.

Si tratta in genere di un manto lungo 2,5 cm, che risulta comunque corto rispetto ai classici cani a pelo lungo.  Facile da mantenere, basterà spazzolarla una volta a settima, perché non si sporca e non si aggroviglia. L’unica accortezza è asciugare bene il cane dopo il bagno perché non puzzi.

Tra le razze di questo tipo annoveriamo l’Akita Inu, il Pastore australiano, il Border Collie, il piccolo Cavalier King Charles Spaniel, i grandi cani da pastore come lo German Shepherd e il Welsh Corgi Pembroke, e i cani d’acqua come il Golden Retriever.

Cani con pelo ipoallergenico

Non è mai divertente essere allergici ai cani, ma niente panico! Se amate i cani e soffrite di allergie, dovreste cercare un cane con un pelo ipoallergenico. Non è il pelo dei cani ma la loro forfora a causare la maggior parte delle allergie. La forfora è in realtà la pelle morta che il cane rilascia insieme al suo pelo.

La razza africana del Basenji è nata per la caccia veloce ed ha il pelo autopulente e anallergico

Un cane ipoallergenico perde pochissimo pelo. Per questo è adatto a chi soffre di allergie. Il loro pelo denso trattiene i peli morti e impedisce loro di fluttuare nell’aria. Tuttavia, i peli intrappolati nel mantello possono aggrovigliarsi, quindi vanno spazzolati molto regolarmente.

Ci sono molti cani con manti ipoallergenici, tra cui i Levrieri afgani, il Basenji, il Barbet, il Griffone di Bruxelles, i Terrier irlandesi, il Lakeland Terrier, il Bull Terrier nano, lo Schnauzer nano, il Barboncino, lo Shih-Tzu, l’Irish Soft Coated Terrier, il Welsh Terrier e lo Yorkshire Terrier.

I barboncini hanno bisogno di una tosata leggera e di un bagno ogni 6-8 settimane. Per questa razza si raccomanda una toelettatura professionale ogni tanto.

Cani senza pelo

È incredibile quanto possa essere strano un cane senza pelo! Ci vuole un po’ per abituarsi alla sua vista: è come se fosse ‘nudo’, un po’ come il gatto Sphynx.

Sembra incredibile, ma i cani senza pelo devono avere molte cure. La loro pelle è più sensibile agli effetti del sole e deve essere protetta con una crema solare. Anche il bagno è importante, per mantenere la loro pelle sana e sono soggetti a numerose infezioni.

Il cane messicano Xoloitzcuintle è detto anche cane nudo perché non ha pelo

I cani senza pelo più noti sono il Chinese Crested Dog e lo Xoloitzcuintle.

Quali sono i cani che non perdono il pelo

In generale, i cani con un mantello fine, riccio, lanoso, ondulato e duro, hanno poca o nessuna muta e non perdono praticamente pelo.

E neppure quelli con un manto lungo e fine, che tendono ad avere minor strato di pelliccia, perdono molto pelo.

Anche i cani d’acqua, caratterizzati da un doppio strato di pelo, che gli permette di asciugare rapidamente ed è quasi impermeabile, perdono meno pelo.

Ci sono anche esemplari grandi con mantello lungo, che però non perdono molto pelo. Il Briard, il Berger de Picardie e il Pastore bergamasco hanno un pelo lungo e ruvido.

L’Airedale Terrier ha un pelo riccio e duro che non lo lascia per terra. Tra le razze con mantello fine e corto, c’è l’elegante Azawakh, un grande levriero che non sparge peli in casa o sul divano. Infine, il Levriero afgano, nonostante il suo pelo lungo, ed il levriero irlandese, con il suo pelo duro, non perdono quasi niente.

Quali sono i cani a pelo corto e perché preferirli

Se avete deciso di adottare un cane, un criterio da considerare è certamente la lunghezza del suo mantello. Infatti, uno dei motivi per cui molti preferiscono avere un animale domestico a pelo corto è sicuramente il fattore estetico. Infatti, un mantello raso esalta la struttura muscolare del nostro amico.

Ad esempio, un Boerboel o un Rhodesian Ridgeback sono razze africane selezionate per la caccia a grandi animali della savana come i leoni, ed hanno una struttura eccezionalmente muscolosa, così come il dogo argentino è destinato alla caccia alla grossa selvaggina e lo Staffordshire Bull Terrier era in origine utilizzato come cane da combattimento, specialmente con i tori.

Il Rhodesian Ridgeback è un cane sudafricano nato per la caccia ai leoni

Inoltre, i cani a pelo corto e liscio sono ideali per le persone che non hanno molto tempo da dedicare alla toelettatura. Si asciuga molto rapidamente e richiede pochissima manutenzione. Non c’è bisogno di spazzolare regolarmente il nostro amico a quattrozampe, anche se un buon bagno di tanto in tanto è una buona idea!

Le razze di cani con mantello corto e liscio sono diverse, dall’americano Foxhound all’africano Basenji, tra i piccoli c’è il Bassotto, il Beagle ed il Jack Russell, passando dai più noti cani da caccia inglesi come il Bull Terrier, il Bull Mastiff, il Bulldog, e gli elegantissimi Dalmata, l’Alano ed il Levriero, oltre a cani da guardia possenti e temibili come il Rottweiler ed il Pitbull.

Possiamo raggrupparli in base alla taglia. Ecco le varie razze e dil tipo di cura che devono avere.

Cani a pelo corto di taglia grande

I cani a pelo corto sono molto numerosi. Cominciamo a scoprire quali sono quelli di taglia grande.

  • SharPei. Si tratta di una razza molto particolare, nota per le particolari rughe che caratterizzano tutto il suo corpo. Dal pelo cortissimo, è un cane apprezzato e famoso in tutto il mondo. Negli anni scorsi era molto di moda e, per questo, acquistare un cucciolo era molto costoso. Nonostante la mole e il corpo compatto, ha un temperamento giocoso e amorevole con la propria famiglia, mentre è piuttosto riservato con gli estranei.
SharPei, il cane cinese a pelo corto con le collane è uno spettacolo da vedere!

  • Pointer inglese. Dal manto liscio e sottile, è un cane agile e sportivo. Molto intelligente, ama molto anche giocare. Per il suo carattere, ha quindi bisogno di movimento e compagnia. Rispetto alle altre razze canine, è considerato il cane più indipendente. In passato veniva prevalentemente usato come cane da caccia.
    Come accade per i levrieri e altri cani da caccia, il Pointer viene spesso abbandonato quando non serve più per cacciare. In realtà, ha un carattere affettuoso, attivo e curioso.
  • Xoloitzcuintle. Conosciuto anche come ‘cane nudo messicano’ o ‘xolo’, è una razza antica e particolare. Come l’omologo gatto Sphynx, anche questo è in pratica privo di pelo. Originario del Messico, in cui viene molto apprezzato ed è addirittura considerato come un gioiello archeologico vivente, ha accompagnato gli Aztechi per più di 7000 anni.
  • Dogo argentino. Uno dei cani più popolari del continente americano, è un molossoide di tipo Dogo. Colpisce per le sue dimensioni molto grandi, l’aspetto possente e il manto bianco. Furbo e intelligente, è un ottimo cane da guardia e da difesa. Nonostante la sua naturale indole di cacciatore, sa essere anche dolce e affettuoso. Diffidente con gli estranei, di norma non è comunque un cane aggressivo. Ama la vita all’aria aperta e adora correre e camminare.
  • Goldador o Golden lab. Nuova razza ibrida dall’aspetto dolcissimo. Questo cane di design combina infatti il Golden Retriever e il Labrador Retriever. Ed è un cane attento, affettuoso, e molto socievole. Si sa adattare a svariati ambiti con gran facilità.
Il Golden Lab è un incrocio tra Golden Retreiver e Labrador, ma a pelo più corto con folto sottopelo

  • Dalmata. Razza molto famosa per il particolare manto a macchie, è un cane agile, atletico e muscoloso, che necessita di movimento. È amichevole e socievole ma riservato con gli estranei. Proviene dall’Europa centrale. In origine era un cane-allenatore, usato per correre accanto a carrozze trainate da cavalli per calmare e proteggere i cavalli. Ha un pelo corto denso, fine e lucido. È sufficiente spazzolarlo una volta alla settimana.
  • Bracco francese dei Pirenei e di Guascogna. Ecco due sotto-razze del Bracco francese. tra le più popolari nella zona dei Pirenei. Fino a pochi anni fa era difficile trovarne esemplari fuori regione. Si tratta di cani molto famigliari, attenti e affettuosi. Sono dotati di grandi doti olfattive ed adattative.
  • Bracco tedesco. Conosciuto anche come Deutsch Kurzhaar, è un cane da caccia molto versatile, principalmente allevato per puntare e recuperare gli uccelli acquatici. Capace di cacciare sul campo tutto il giorno, ha un’energia quasi infinita. Il Puntatore tedesco è un ottimo compagno e cane di famiglia. Data la sua indole, i proprietari devono sapergli offrire abbondanti sbocchi per l’esercizio fisico e la stimolazione mentale. Altrimenti, questo cane può diventare ansioso e distruttivo. Il mantello dal pelo corto è semplice da gestire: bastano una spazzolatura settimanale ed il bagno occasionale.
  • Azawakh. Razza canina strettamente legata con le tribù Tuareg del deserto, ha tra le caratteristiche più evidenti l’eleganza e il carattere indipendente, oltre che la particolare forma rettangolare.
  • Weimaraner. Splendido cane da caccia della regione tedesca di Weimar, spesso chiamato come il “fantasma grigio” a causa dell’etereo colore grigio-argenteo, è eccezionalmente attivo e atletico. Se si ha intenzione di averne uno, bisogna sapergli fornire una enorme quantità di esercizio fisico; la corsa è l’ideale. Se vengono forniti sufficienti sbocchi per la loro energia, i Weimaraner sono ottimi cani di famiglia e vanno molto d’accordo con i bambini. Dalle belle caratteristiche aristocratiche, ha un pelo corto e rigido, disponibile in varie tonalità di grigio.
Uno dei cani da caccia. a pelo corto più eleganti è il Weimaraner

  • Greyhound o Levriero Inglese. Questo è il cane più veloce del mondo: riesce a raggiungere i 65 km/h e solo pochi animali possono essere in grado di superare la sua rapidità. Proprio per questo, sono i cani prescelti per le polemiche corse che, purtroppo, attualmente sono ancora legali in alcuni paesi. Se lo si vuole adottare e accogliere in casa, è un cane dolce e docile.
  • Piccolo Levriero italiano. Cane da corsa che si distingue per la grazia e l’aspetto e il portamento quasi nobiliari. Vivace, docile e affettuoso, era molto amato nelle corti europee dal Rinascimento. Oggi è un compagno di vita molto devoto, che necessita di contatto fisico e capace di adattarsi a vari ambienti.
  • Bull arab. Cane da caccia al cinghiale ottenuto incrociando il Bull Terrier con il Saluki ed il Pointer.
    Sono cani grandi, forti e dal potente istinto di caccia. Hanno quindi bisogno di attività fisica quotidiana.
  • Segugio di Ibiza o Podenco Ibicenco. Proveniente dall’isola di Ibiza, al largo della costa spagnola, questa razza discende dagli antichi segugi egiziani che furono portati sull’isola dai commercianti circa 3.000 anni fa. Sull’isola, il Segugio di Ibiza era un abile cacciatore di conigli grazie alla vista acuta. Si tratta di un cane forte anche se non appare molto muscoloso. Il pelo corto può essere liscio o ispido. Ed è disponibile nei seguenti colori: rosso, bianco o bianco e rosso. In entrambi i casi, si tratta di un mantello facile da curare. Basta infatti spazzolarlo una volta alla settimana.
Podenco Ibicenco o segugio di Ibiza è un cane tipico spagnolo

Cani a pelo corto da guardia

Molti cani a pelo corto di taglia grande sono cani da guardia. Vengono spesso scelti da chi vuole mettere al sicuro la propria casa e la propria famiglia.

Di solito, le razze canine guardiane sono forti e leali, vigili e senza paura. Andiamo a conoscere più da vicino i cani da guardia col pelo corto.

  • Bullmastiff. Incrocio tra il Bulldog Inglese e il Mastiff, è un cane da guardia forte e muscoloso, ma anche molto affettuoso e socievole con la propria famiglia. Nonostante la mole, può vivere benissimo anche in case piccole, purché lo si porti a spasso più volte al giorno. L’aspetto taurino può intimidire gli estranei, ma il suo proprietario sa che è un cane naturalmente affettuoso. Eccellente compagno, è un protettore nato, tuttavia, per rafforzare il suo naturale istinto di guardia, ha bisogno di un addestramento strutturato.
  • Boxer. Muscoloso e possente, è un ottimo cane da guardia. Testardo ma molto intelligente, il Boxer è affettuoso, giocoso e paziente. Vive bene anche nelle famiglie con bambini. Nonostante l’aspetto intimidatorio, il Boxer non è in realtà un cane aggressivo. Anzi, con il giusto addestramento, può essere un ottimo cane da guardia. Ha elevati livelli di energia e quindi necessita di frequente esercizio.
  • Cane Corso. Insieme al Mastino napoletano, è una delle razze molossoidi italiane più impressionanti. Il nome deriva dal latino ‘cohors’ che vuol dire protettore, guardiano del cortile. La mole abnorme, la corporatura pesante e l’abbaio dai toni profondi, fanno fuggire gli intrusi. L’istinto di guardia è un’indole naturale della razza. In questo caso, l’addestramento dovrebbe quindi concentrarsi sull’obbedienza e l’affinamento delle sue capacità naturali. Il pelo è corto e rigido, caratteristica che enfatizza il suo aspetto imponente e un po’ aggressivo.
  • Dobermann. Considerato la quinta razza di cane più intelligente del mondo, è un cane potente e muscoloso. Sfoggia una corporatura elegante. Per anni ha avuto una cattiva reputazione come razza aggressiva. Tuttavia, con la sua famiglia umana è docile e affettuoso, talvolta persino sciocco. La maggior parte, addirittura, non sono neppure esitanti nei confronti degli estranei, a meno che non avvertano un qualche pericolo. Hanno un’intelligenza incredibile e sono dotati di grande sensibilità. Con un programma di addestramento strutturato, è possibile affinare le sue abilità di protezione e trasformarlo così in un eccellente cane da guardia. Il pelo corto è liscio e facile da pulire. Basta spazzolarlo rapidamente una volta alla settimana.
  • Rhodesian Ridgeback. Di origini africane, storicamente, era un cane da caccia usato per la grande selvaggina ed i leoni. Con la sua famiglia ha però una naturale inclinazione alla protezione. Molto fedele e ottimo guardiano, è diffidente con gli estranei. Il nome fa riferimento alla caratteristica cresta di pelo che cresce in direzione opposta rispetto al resto del mantello e si alza lungo la spina dorsale. È agile e molto attivo, può essere testardo e dominante e, come tutti i cani da guardia, va addestrato, soprattutto all’obbedienza. Pur essendo un cane affettuoso, paziente, amichevole e leale, per interagire con i bambini ha bisogno di un adeguato addestramento. Il pelo corto e liscio ha un colore che va dal grano chiaro al grano rossiccio e non richiede cure particolari.
  • Rottweiler. Razza nata in Germania per gestire le mandrie, è forte e apprende bene, ma va addestrato fin da quando è un cucciolo, così che riesca a capire quando è giusto e quando non è giusto agire in maniera aggressiva. L’addestramento può essere d’aiuto anche per evitare che il suo abbaiare diventi troppo fastidioso. Discende da antichi mastini, ma può essere dolce e giocoso con la sua famiglia, anche molto protettivo. Se adeguatamente addestrato, può diventare un eccellente cane da guardia.
  • Staffordshire Bull Terrier. Uno dei migliori cani da protezione, in origine allevato per la caccia all’orso e la corrida, ha di natura un’indole aggressiva e protettiva. Proprio per questo motivo va addestrato fin da quando è cucciolo. Di certo intimidisce gli estranei. Tuttavia, è un ottimo animale domestico e infatti è noto per essere aggressivo soltanto quando protegge un membro della famiglia.
Il Staffordshire Bull Terrier va addestrato fin da quando è cucciolo perchè di natura aggressiva e protettiva

  • Amstaff. Simile al Pitbull, nonostante l’aspetto imponente, è affettuoso, giocoso e molto energico. A causa della lunga storia della razza come cane da combattimento e del suo naturale impulso a cacciare le prede, necessita di un addestramento adeguato e di una socializzazione, soprattutto se dovrà vivere con altri animali domestici o bambini. È un cane dal carattere allegro e positivo, consigliato per persone attive e dinamiche.
  • Alano. Tra i cani più grandi, soprattutto in altezza: un vero gigante gentile, dolce ed affettuoso. Un meraviglioso cane da compagnia. Nonostante le dimensioni, è molto calmo al chiuso e non ha bisogno di una eccessiva quantità di esercizio fisico. Il suo mantello lucido va spazzolato settimanalmente con una spazzola di setole. Molto coraggioso, quando abbaia, grazie anche alle dimensioni intimidatorie, incute timore ed è dunque un’ottima scelta come cane da guardia. Ha una personalità affettuosa e gentile, ed è difficile che morda degli intrusi. Inoltre, è giocoso e paziente con i bambini.

Cani a pelo corto di taglia media

Passiamo quindi a conoscere alcune razze di cani a pelo corto e di taglia media.

  • Beagle. Razza molto apprezzata, soprattutto dai bambini, perché è un instancabile giocherellone, tende all’obesità. Necessita di costante e regolare attività fisica. Le orecchie vanno pulite regolarmente per evitare infezioni. Inoltre, bisogna fare molta attenzione alla muta perché, nonostante il pelo sia corto, ne perde molto.
Il Beagle necessita di molta attenzione alla muta perché, nonostante il pelo sia corto, ne perde molto

  • Jack Russell Terrier . Questo cane impiegato per la caccia alla volpe. Di una intelligenza straordinaria, è molto curioso, attivo, fedele e coraggioso. Amichevole e affettuoso, è ideale per i bambini. Va comunque educato fin da cucciolo così che sia più facile da gestire.
  • American Pitbull Terrier o solo Pitbull. Nelle fattorie americane era usato come cane da pastore. In seguito, divenne poi popolare nei combattimenti fra cani. Non ha un’indole ben definita. Il suo carattere da adulto viene infatti determinato soprattutto dall’educazione e dall’addestramento che riceve. Esistono infatti esemplari molto socievoli, altri diffidenti ed altri ancora reattivi.
  • Bassotto o Dachshund. Furbo, amichevole e molto intelligente, in base alla varietà, può avere pelo corto,  duro e ruvido oppure liscio e morbido. È una razza che tende a diventare obesa, bisogna quindi prestare molta attenzione all’alimentazione.
  • Bull Terrier. Con la lunga faccia simile a un cavallo, è inconfondibile. Il pelo corto e piatto è lucido e duro al tatto. Va spazzolato ogni settimana usando una spazzola a setole morbide, una spazzola al curry o un guanto da segugio, per rimuovere i peli sciolti. Ha un’indole dolce e tende ad andare d’accordo con i bambini rispettosi. Sebbene muscoloso e atletico, questo cane ha bisogno di un esercizio quotidiano moderato, sotto forma di lunghe passeggiate o giochi in cortile.
  • Rat Terrier. Cane creato negli Stati Uniti dove, a inizio ‘900, era un cane da fattoria usato per cacciare i topi. Nonostante non sia grande, è pieno di spirito, energia e tenacia. Non si tira indietro davanti ad una sfida. Per il suo passato, ha bisogno di più esercizio di quanto ci si potrebbe aspettare da un cane di medie dimensioni. Il mantello è corto, liscio e lucido, ma perde parecchio. Va quindi spazzolato spesso per limitare la caduta dei peli. Disponibile in fantasie pied: uno o più colori con grandi macchie di bianco.
  • Ratonero Bodeguero Andaluz. Razza originaria della provincia di Cadice. In passato era addestrato per stare nelle aziende vinicole (bodegas) e mantenerle libere da topi e altri roditori. Oggi, è uno dei cani spagnoli da compagnia più popolari, soprattutto per famiglie con bambini. Ha un carattere dinamico, socievole e giocherellone.
Il Ratonero Bodeguero Andaluz era usato per liberare dai topi e altri roditori le botteghe ed è il n.1 dei cani spagnoli da compagnia

  • Basenji. Proveniente dall’Africa Centrale, è una delle razze più antiche. È intelligente ed equilibrato, ma anche testardo e indipendente. La sua caratteristica peculiare sta nel fatto che non abbaia. Non è muto, ma emette un suono tipico che si potrebbe definire come un miscuglio fra uno jodel tirolese ed una risata sommessa. Le femmine vanno in calore solo una volta l’anno. Il pelo liscio è naturalmente pulito e inodore, e il cane può pulirselo in autonomia, esattamente come fanno i gatti.
  • Bulldog inglese. Basso e robusto, è un cane dall’aspetto inconfondibile. Molti ritengono abbia un aspetto feroce ma, in realtà, ha un carattere tranquillo e affettuoso. Da molti è considerato il cane più adorabile del mondo per il suo carattere calmo e pacato, e molto paziente con i bambini. Ha bisogno di molta compagnia. Si tratta quindi di una razza ideale per le famiglie che hanno tempo da dedicare al proprio animale domestico. È un compagno intelligente, inquieto e curioso, ma molto fedele e molto possessivo, sia con il cibo che coi giochi. Ma è anche un ottimo cane da guardia. Va lavato spesso per le numerose pieghe sulla pelle.
  • Fox Paulistinha o Terrier Brazileiro. Cane snello e dalla struttura solida, ma non robusta. É la seconda razza di cani brasiliani ufficialmente riconosciuta. Sono molto attivi, curiosi e dal notevole istinto di caccia, che li rende buoni cani da guardia. Tuttavia, sono anche ottimi animali da compagnia, ideali per chi ama la vita attiva e all’aria aperta. Richiede di bruciare grandi dosi di energia fisica e mentale. Non è consigliato per chi vive in appartamento o ha bambini piccoli.
  • Ridgeback thailandese. Razza originaria del Siam, dove storicamente veniva addestrata per la caccia e la protezione delle proprietà e delle persone. Si tratta di una razza non ancora molto conosciuta in Occidente. Solo negli ultimi anni ha cominciato a guadagnare popolarità come animale da compagnia. Ha un aspetto esotico ed un temperamento attivo.
Il Ridgeback thailandese è originario del Siam, dove era usato per la caccia e la guardia

  • Cirneco dell’Etna. Razza canina italiana di origini siciliane, ricorda un po’ il Levriero. Tuttavia, ha molte differenze con questo tipo di cani. Dalla forma elegante e slanciata, ha il mantello monocromatico. Inoltre, se pelo, pelle, mucose, unghie, tartufo e iride presentano tutti lo stesso tono cromatico, il cane è molto pregiato. Il colore è fulvo in tutte le sue gradazioni. Ammessa la presenza del bianco in alcune zone di elezione (testa, ventre, petto, piedi e punta della coda ). È adatto alla caccia.
  • Norbotten spitz. Razza originaria della Svezia e della Russia, creata per la caccia e il lavoro, necessita di fare molta attività fisica quotidiana. L’ideale sarebbe farlo vivere in ambienti rurali. Di per sé, ha un buon carattere. Tuttavia, l’addestramento può risultare complicato senza l’aiuto di un professionista.

Cani a pelo corto piccoli

Concludiamo il nostro approfondimento andando a scoprire quali sono quelli di piccola taglia.

  • Norfolk Terrier. Di origini europee, è socievole, coraggioso e piuttosto giocherellone. Per la sua indole, è adatto alle famiglie con bambini. Il manto è ruvido, ispido ed il pelo è corto e folto.
Il Norfolk Terrier è un cane da pastore piccolo ma coraggioso e giocherellone dal manto ruvido, ispido e folto

  • Bulldog francese. Piccolo ma robusto, inconfondibile per il muso schiacciato e le orecchie da pipistrello, ha un carattere affettuoso e bonaccione. Deriva dai primi Bulldog inglesi. Come tutte le varianti di questa razza, necessita di molte attenzioni e di compagnia.
  • Carlino. Socievole, affettuoso e intelligente, è il cane da compagnia ideale. Per le sue caratteristiche fisiche potrebbe essere definito un mastino formato bonsai. Molto giocherellone, ama la compagnia. Se sta da solo per troppo tempo potrebbe sviluppare ansia da separazione. L’ideale è una casa con ragazzini grandicelli. Il suo pelo liscio e morbido va lavato spesso. È una razza che tende ad ingrassare, per questo bisogna stare molto attenti all’alimentazione.
  • Pinscher nano. Uno più dinamici e fidati fra quelli di taglia piccola. Di origine tedesca, deriva da vari incroci. Molto dinamico, ama muoversi e giocare. Affettuoso e socievole con la famiglia, è invece diffidente con gli estranei e gli altri animali, specie se da piccolo non è stato ben socializzato. Curioso e intelligente, non va assolutamente viziato. Pur essendo socievole e affettuoso, ha un carattere forte e dominante. Ha bisogno di fare molta attività fisica. Nonostante ciò, può vivere tranquillamente in casa o in appartamento.
Pinscher nano, un cane a pelo corto piccoli, socievole e affettuoso, ma dal carattere forte e dominante

  • Chihuahua. Originario del Messico, è un cagnolino molto piccolo, tenero e intelligente. La razza a pelo corto è la più facile da gestire. Molto curioso, è diffidente con gli estranei. Gli piace farsi viziare. Geloso e territoriale, a volte può risultare nervoso ed inquieto. Le dimensioni sono da “borsetta”. Il suo peso ideale è compreso tra i 2 e i 3 kg.
  • Ca de Bou o Mastino di Maiorca. Razza molossoide autoctona delle isole Baleari. In catalano, vuol dire ‘cane da toro’. Con grande probabilità, in antichità, questi cani venivano fatti combattere contro i tori in combattimenti organizzati. Per fortuna, oggi, queste abitudini crudeli e violente sono scomparse. I Cans de Bou son ora cani da guardia, coraggiosi e molto fedeli al loro padrone. Con adeguate socializzazione e buona educazione, diventa un animale molto familiare che ama trascorrere il tempo con il padrone e fare lunghe passeggiate.
  • Zwergpinscher o Miniature Pinscher. Somiglia molto a una versione ridotta del Doberman Pinscher. Ha infatti una struttura robusta, compatta e ben bilanciata. Amichevole, è molto piccolo e adatto alle famiglie con bambini più grandi che possono essere attenti e gentili. Il mantello liscio è disponibile in rosso, rosso cervo (rosso con qualche pelo nero), nero con segni di ruggine e cioccolato con segni di ruggine. Va spazzolato una volta a settimana usando uno spazzolino a setole morbide in modo da esaltarne la lucentezza. Ha un movimento molto curioso e unico. Si chiama andatura hackney: quando cammina solleva le zampe verso l’alto.

Cani a pelo corto: come prendersene cura

Di certo, la toelettatura di questi cani è meno impegnativa rispetto a quelli a pelo lungo. Tuttavia, ciò non vuol dire che possano essere trascurati.

La maggior parte non ha bisogno di cure eccessive, né troppo impegnative, ma è bene precisare che ogni razza è diversa ed ha bisogno di attenzioni e cure specifiche. Il Chihuahua, ad esempio, perde molto pelo. Per evitare ciò, va spazzolato di più rispetto a un Boxer.

Alcune razze, com il Bulldog, presentano poi numerose pieghe della pelle. In questi casi, va fatto il bagno con cadenza regolare.

Di media, i cani a pelo corto andrebbero spazzolati almeno una volta alla settimana. Ci sono vari tipi di spazzole per i cani a pelo corto. Si consigliano quelle che aiutano a rimuovere il pelo morto.

Si possono usare spazzole di plastica, oppure un guanto morbido contropelo, per eliminare sporco e peli morti. Per sciogliere eventuali nodini o se il pelo è molto fitto, usate 2 volte a settimana una spazzola a setole sottili, morbide e di metallo. Subito dopo, ripetete l’operazione con una spazzola a setole morbide.

Infine, per quanto riguarda il lavaggio, è importante scegliere lo shampoo più adatto, che sia privo di olio e balsamo, perché potrebbero danneggiare e rendere grasso il mantello. Ad eccezione di casi particolari, di norma per questi tipi di cane il bagno andrebbe fatto ogni 3-4 settimane.

Altri approfondimenti

Ti segnaliamo anche questi altri articoli in materia che potrebbero interessarti:

Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.