Categories: Cani

Speciale sui cani a pelo lungo

La guida pratica e l'elenco delle principali razze

I cani a pelo lungo sono molto apprezzati per la loro bellezza. Com’è facile intuire, sono anche molto impegnativi. Infatti, il loro lungo mantello necessita di cure costanti e regolari.

Vanno spazzolati quotidianamente e portati spesso dal toelettatore. Al contrario dei cani a pelo corto, a quelli con il mantello lungo serve come protezione dalle intemperie o dal caldo, a seconda della zona d’origine.
Andiamo a scoprire quali sono le razze di cani più famose ed apprezzate con un mantello lungo e folto.

Tipi di pelo lungo

Si fa presto a dire pelo lungo, ma in realtà ce ne sono vari tipi, duro, setoso, lanoso, frisé… E per ciascuno vale una cura differente. E non tutti vanno tosati.

Cani a pelo lungo con scriminatura centrale

Alcuni cani a dal pelo lungo hanno una scriminatura centrale, come il Levriero afgano, il Lhasa Apso, il Maltese, lo Shih-Tzu, l’Australian Silky Terrier, lo Skye Terrier, o il Tibetan Terrier.

Dovrebbero essere pettinati regolarmente con una spazzola per mantenere questa scriminatura diritta lungo la schiena.

Cani a pelo lungo senza scriminatura

Ci sono molte razze con mantello lungo ma senza scriminatura centrale sulla schiena, come il Bearded Collie, il Chow-Chow, il Cocker Spaniel inglese, l’Avanese, il Setter rosso irlandese, il Terranova, il Bobtail, il Pechinese, lo Spitz nano, il San Bernardo ed il Samoiedo.

Il loro mantello richiede molta manutenzione, soprattutto nel caso di cani di grandi dimensioni che restano di più all’aperto. Vanno spazzolati regolarmente per prevenire i grovigli e mantenere la loro pelle sana.

Cani a pelo lungo con sottopelo

È un po’ come se indossasse un maglione di lana con un impermeabile sopra. Questi cani hanno un doppio strato di pelo, ossia un sottopelo corto e spesso, e uno strato superiore più lungo, che impedisce alla pelle di bagnarsi.

Il mantello a pelo lungo li tiene caldi d’inverno e freschi d’estate, e il sottopelo li protegge dall’umidità ed è spesso idrorepellente. Possono dunque adattarsi a qualsiasi clima.

Tuttavia, questo doppio strato richiede una cura regolare e va asciugato perfettamente, soprattutto quando è bagnato o c’è forte umidità. Infatti, se resta bagnato per molto tempo, il cane comincia a puzzare, come accade per un cane sporco e umido, se non viene lavato correttamente.

Durante l’estate, potrebbe essere necessario tosarlo, per evitare che abbia troppo caldo.

Cani di questo tipo sono i cani d’acqua come il Golden Retriever, il Labrador, il Terranova, i cani da pastore come il Kangal o pastore d’Anatolia, il Pastore tedesco, il Pastore australiano, il Bearded Collie, il Bobtail, Welsh Corgi Pembroke ed il Welsh Corgi Cardigan, il Beauceron, il Border Collie, i cani da slitta e quelli primitivi come l’Alaskan Malamute, l’Husky, il Samoiedo, lo Swedish Vallhund, lo Spitz finlandese, il Wolf Spitz, l’Elkhound grigio norvegese, il volpino di Pomerania, il Puli, i cani tibetani e cinesi come il Chinook, il Chow-Chow, lo Shih-tzu, lo Spaniel tibetano e alcuni Terrier come lo Yorkshire.

Alaskan Malamute, un cane dal pelo lungo senza scriminatura centrale

Cani con pelo setoso

Hanno un pelo lungo, morbido e fluente, lucido come la seta, ma proprio per questo hanno bisogno di cure costanti per evitare i grovigli e nodi.

Bisogna spazzolarli ogni giorno, sempre nella direzione del pelo, cercando di rimuovere i nodi molto delicatamente.

I cani con questo tipo di mantello includono il Levriero afgano, il Chinese Crested Dog, il Cocker Spaniel inglese, il Setter irlandese, l’Australian Silky Terrier.

Cani con pelo a corde

Assomigliano un po’ a una scopa… Il loro pelo è diviso in dreadlock (che di solito sono tenuti per i concorsi di bellezza). E come una scopa, raccolgono tutto ciò che si trova in giro.

Questi boccoli si formano naturalmente, con la crescita del pelo lanoso che si annoda al sottopelo duro e ispido, per questo richiedono una manutenzione regolare, per evitare che si formino enormi grumi di pelo ingestibili.

La toelettatura deve essere regolare, ma non è troppo complicata. Bisogna rimuovere eventuali nodi con le dita e massaggiare delicatamente la pelle per mantenerla sana.

Komondor, un cane con il tipico mantello a dreadlock

Il pelo a corde dovrebbe essere spazzolato solo quando il cane è giovane, quando i dreadlock non si sono ancora formati. In genere, solo la zona delle orecchie, delle gambe e della coda richiede maggiori attenzioni.

Le razze con pelo di questo tipo sono solo il Komondor, il Puli ungherese, il Pastore bergamasco, mentre l’Havanese e il Barboncino possono anche avere un mantello a corde per scopi espositivi.

Cani a pelo riccio o frisé

Questi animali sono caratterizzati da un mantello riccio e fino, difficile da gestire. Meglio rivolgersi un veterinario o un toelettatore per sapere come curarlo, poiché varia molto da razza a razza.

Tra le varietà curly ci sono il Bichon Frisé, il Curly Haired Retriever, l’American Water Dog ed il Poodle.

Il loro pelo è sottile, molto fitto e naturalmente riccio, per cui si formano facilmente dei nodi. Quando si fa il bagno è consigliabile usare uno spray districante prima di spazzolarli, per limitare ila formazione dei nodi. Ed è sempre meglio dare una tosata una volta al mese, per mantenere il pelo in ottima forma.

Qual è il cane più peloso

Uno dal mantello più folto con lunghe trecce, è certamente il Puli ungherese. È considerata la razza più pelosa del mondo! Ma dietro questa massa di boccoli, nasconde una personalità molto affettuosa.

Il suo mantello ha una struttura molto speciale. In realtà, si tratta di due strati di pelo. Il primo è un sottopelo morbido e lanoso, mentre il secondo è uno strato più lungo e spesso. I due si intrecciano e formano delle specie di dreadlock come quelli degli adepti della religione Rastafariani.

Puli ungherese, la razza di cani più pelosa al mondo

Quali cani si possono tosare

In generale, i cani a pelo lungo hanno bisogno di essere tosati più spesso di altre razze a pelo corto e duro. Questo perché il loro pelo tende ad aggrovigliarsi e può formare fastidiosi nodi sulla schiena, sotto la pancia e sui quarti posteriori.

Districare questi nodi può essere un lungo e complicato, e alla fine è sempre meglio rivolgersi ad un toelettatore professionale. Il consiglio è di districare spesso il mantello di questi cani, tra una tosatura e l’altra, per evitare la formazione di grumi.

Esistono razze di cani adatte ad essere tosati, e altre che, pur avendo il pelo lungo, non necessitano di questa operazione. Vediamole.

  • Razze da tosare. Le razze che presentano un pelo lungo e fine, come il Westie, lo Shih-Tzu, il Lhassa Apso, lo Yorkshire Terrier, il Cavalier King Charles, il Coton de Tulear e persino il Cocker Spaniel, hanno bisogno di una tosatura regolare. Se volete una toilette corrispondente allo standard di razza, sarà necessario l’intervento di professionista. Altrimenti, si può farlo da soli a casa. Altre razze a pelo lungo con un mantello spesso e  lanoso, come il Maltese, il Pastore dei Pirenei ed il Puli, sono di difficile manutenzione, tendono a raccogliere tutta la sporcizia per terra e a formarsi boccoli lanosi, per questo richiedono un professionista. Infine, le razze a pelo riccio come il Barboncino e il Bichon Frisé richiedono una tosatura frequente, perché non hanno la muta bi-annuale, quindi sono a rischio di surriscaldarsi in estate e di sviluppare malattie della pelle.
  • Razze da non tosare. Alcuni cani, anche se hanno un pelo spesso, non dovrebbero essere tosati. In particolare le razze con un sottopelo spesso e impermeabile, come l’Husky, il Pastore delle Shetland, il Chow-Chow, il volpino di Pomerania, il Pastore Tedesco, il Border Collie, il Samoiedo, lo Shiba Inu e l’Akita Inu. Hanno un mantello che si adatta naturalmente alle stagioni, diventa più denso in inverno, mentre in estate il bulbo pilifero si restringe, ed il pelo è più fine per permettere all’aria di circolare. Quindi, anche se sembra che stiano per morire di caldo, questi cani non hanno bisogno di essere tosati. Anzi! Il loro pelo ha funzione di  termoregolazione, proteggendoli dal caldo, oltre che da scottature e punture di insetti.
Akita Inu, un cane giapponese che non si deve tosare in estate nonostante il pelo lungo e folto

Quali sono i cani a pelo lungo

Le variazioni di colore del mantello, la consistenza e la lunghezza sono abbastanza impressionanti quando ci si rende conto che tutti i cani discendono da un antenato comune. Ci sono tantissimi tipi di mantello, ognuno con il suo fascino e una sua specifica cura.

Il Bulldog ha un pelo corto che richiede pochissima manutenzione. Il Labrador ha un pelo spesso e doppio che può essere difficile da asciugare. I Terrier hanno un pelo duro che deve essere districato a mano. Il Bobtail ha un pelo lungo che ha bisogno di essere spazzolato quotidianamente. Il Barboncino è riccio e richiede manutenzione per evitare i grovigli, mentre il Chinese Crested Dog è senza pelo.

Cani a pelo lungo di taglia grande

Le razze di cani più grandi con un mantello lungo sono diverse. Andiamo a conoscerli meglio.

  • Levriero afgano. Cane elegantissimo. Oltre che per le caratteristiche appena elencate, si contraddistingue per il lungo e liscissimo pelo. Il levriero è un cane da caccia a vista che aiutava i cacciatori dell’Africa Nord Orientale e del Medio Oriente, inseguendo selvaggina anche di grandi dimensioni, come l’antilope. Quando cammina e soprattutto quando corre, il suo lungo pelo, liscio e fluente, fluttua come fosse appena uscito dal parrucchiere! Per ottenere questo risultato, va spazzolato e toelettato con regolarità, utilizzando i prodotti giusti. Un pelo così lungo potrebbe infatti incappare facilmente in nodi e grovigli, che sono poi molto difficili da eliminare.
Levriewro afgano, il cano dal pelo piùs etoso e liscio del mondo, molti lo ricordano come il cane di Barbie!

  • Golden Retriver. Uno dei cani più diffusi e amati, non richiede cure eccessive perché il suo manto è autopulente. L’importante è aver cura di sciogliere gli eventuali nodi così che non si formino grumi di pelo. Inoltre, questo cane va spazzolato delicatamente. Tutto ciò è sufficiente per rendere meraviglioso il suo pelo luminoso.
  • Bobtail. Antico cane da pastore di origine italiana, è ricoperto da pelo abbondante, lungo ed impermeabile. Oggigiorno è considerato un cane da compagnia per la dolcezza che esprime nelle relazioni con gli umani. Il mantello del Bobtail va spazzolato regolarmente per evitare che il suo pelo grigio e bianco, molto folto, si rovini.
  • Bearded Collie. Molto simile al Bobtail, pare abbia origini comuni con il Pastore bergamasco, del quale condivide la motivazione collaborativa e quella affiliativa, nonché una spiccata dedizione al lavoro. Ovviamente, si tratta di un cane a pelo lungo. Non a caso, il termine bearded significa, appunto ‘barbuto’.
  • Mastino tibetano . Cane imponente, nella categoria dei molossoidi, è esageratamente grande perché in origine viveva sulle montagne e in ambienti non ‘facili’. Per la sua mole, non è adatto a tutte le famiglie.
    Chi ha spazio sufficiente, deve sapere che è un amico fedele, sicuro e affidabile. Nonostante l’apparenza, la gestione del suo lungo pelo è semplice e poco impegnativa. Basta solo qualche spazzolata settimanale.
  • Komondor. Antico pastore originario del Tibet, ha un pelo molto particolare: lungo, fitto, infeltrito e cordato, sembra un mocio! Ma sotto vi è uno strato di morbido sottopelo. Essendo così particolare, molti sono portati a pensare che prendersene cura sia difficile. In realtà, proprio il fatto che il folto pelo è composto da grosse cordature, permette di limitarsi a togliere eventuali nodi.
  • Border Collie. Il Cane da Pastore Scozzese, il Lassie dell’omonima serie tv, è uno dei cani da pastore più conosciuti, ottimo guardiano e amico fidato e un dolcissimo, che si affeziona tanto alla famiglia. Molto robusto e attivo, che resiste facilmente anche sotto la pioggia o la neve proprio grazie anche al suo meraviglioso mantello. Del resto, questa caratteristica, deriva dalle sue origini, tra l’Inghilterra e la Scozia, zone umide dov’è indispensabile essere dotati di una buona protezione per le intemperie. Il suo pelo è lungo e ha bisogno di cure specifiche, soprattutto su collo e petto, dietro le orecchie e sulle frange delle zampe, zone dove tende ad aggrovigliarsi con facilità.
  • Terranova. Cagnolone grande e affettuoso, si adatta alla vita in famiglia. Ama muoversi all’aria aperta e nuotare. Adora stare in acqua, il suo ambiente ideale! Non è un caso che il suo lungo pelo sia fatto per essere idrorepellente, così che, dopo ogni nuotata, non si inzuppi del tutto evitando che il nostro amico prenda troppa umidità. Ha due starti folti e fitti, che vanno spazzolati regolarmente. È bene sapere che questa razza perde tanto pelo.
Il Terranova è un cane d’acqua dal folto pelo a doppio strato che lo rende impermeabile

  • Chow Chow. Il cane dalla lingua blu-viola è uno dei più particolari che ci siano. Popolare in Cina già 2000 anni fa, sfoggia un bellissimo mantello fitto, lungo e particolarmente voluminoso. Il suo pelo può variare nelle sfumature cromatiche: rosso, cerbiatto, nero, blu, crema e bianco. Per spazzolarlo bisogna usare una spazzola professionale adatta per cani a pelo lungo.
  • Setter Irlandese. Tra i cani da caccia è quello dall’aspetto più elegante e di classe. Si distingue per il lungo ed il sontuoso mantello di un bellissimo color mogano. Proprio per questo richiede un impegno particolare. I mantello va controllato ogni giorno, specie se svolgono molte attività all’aria aperta. Inoltre, almeno 2-3 volte a settimana andrebbe spazzolato a fondo. Ma resta un cane dolcissimo, buono e molto affettuoso.

Cani a pelo lungo di taglia media

Scopriamo adesso quali sono i cani con mantello lungo di tagli a media.

  • Barbone. Dolce e gentile, è vivace e ha sempre voglia di giocare, sia con gli adulti che con i bambini. Tuttavia, è particolarmente impegnativo per la cura del manto. Infatti, è quello più conosciuto proprio per la caratteristica toelettatura che riceve. Molto spesso il suo lungo pelo riccio viene rasato per questioni estetiche. In passato, invece, la tosatura aveva significati particolari. Il ciuffo di pelo sulla coda veniva mantenuto per individuarlo nell’erba alta, mentre il pelo nelle zone di reni e polmoni veniva lasciato così per proteggere gli organi più delicati dal freddo delle acque in cui il cane veniva mandato a cacciare. Al contrario, invece, la zona posteriore era tosata affinché il corpo non si appesantisse troppo, col rischio di farlo affondare.

Cani a pelo lungo di piccola taglia

Sono tantissimi anche i cani a pelo lungo, ma di piccola taglia. Scopriamoli insieme.

  • Maltese Tra i cani da compagnia è uno dei più attivi. Lui stesso non ama essere considerato un cane da divano. Inoltre, non ama farsi infiocchettare! Il suo lungo e morbido pelo bianco va curato e spazzolato con regolarità.
Il Maltese era un cane che cacciava i topi nei porti ma oggi è un delizioso cane da compagnia

  • Yorkshire. Durante la Rivoluzione Industriale, i cani di questa razza erano considerati degli ottimi ‘derattizzatori’, in grado di uccidere moltissimi roditori al giorno. Oggi lo Yorkshire è molto amato e apprezzato come cane da compagnia, specie per le famiglie che vivono in città. Molti si divertono ad acconciare il suo lungo pelo liscio con pettinature curiose. Nonostante sia abbastanza lungo, il pelo dello Yorkshire non è comunque molto folto. Ciò potrebbe quindi causargli parecchi problemi nell’affrontare le alte temperature. Il pelo, infatti, essendo anche un modo per proteggersi dal caldo, è quindi indispensabile in estate.
  • Volpino di Pomerania. È adorabile, perfetto per la vita d’appartamento. Fedele, affettuoso e anche piuttosto tranquillo, è anche curioso e intraprendente. Ama stare in compagnia e fare lunghe passeggiate. Caratterizzato da un lungo e folto pelo vaporoso, il Volpino di Pomerania non si sporca facilmente e si mantiene da solo, piuttosto pulito e con il pelo morbido e lucente. Non è quindi particolarmente impegnativo. Sotto al fitto pelo si trova un altrettanto fitto strato di sottopelo, indispensabile nelle sue zone d’origine. La Pomerania, infatti, è una regione a Nord della Germania che si affaccia sul Mar Baltico.
  • Bassotto. Il classico cane a pelo corto, immaginerete. Tuttavia, esiste anche una tipologia a pelo lungo, morbido, liscio e, di solito, marrone. Questa razza viene scelta dalle famiglie con bambini per la sua facilità e velocità di apprendimento.
Meno conosciuto il bassotto a pelo lungo del cugino a pelo raso

  • Bichon frisé. Dolce cagnolino di piccola taglia, dall’aspetto “aristocratico”, è piuttosto raro. Il suo pelo è bianchissimo, lungo e a ricciolini (da cui il nome frisé). Proprio a causa del suo particolarissimo pelo, è adorato da grandi e piccini. Ama molto giocare coi bambini ed è perfetto nelle famiglie. Ha un carattere sempre vispo e allegro. Perciò è un’ottima compagnia in casa. Il suo particolare mantello bianchissimo necessita di cure e attenzioni specifiche. Da notare anche la coda: pelosissima e vaporosa!
  • Bichon Havanais. Ha un bellissimo mantello che va spazzolato regolarmente per evitare nodi e grovigli. È altamente sconsigliata la tosatura! Questo piccolo quattro zampe è molto vivace ed è un gran giocherellone. Perfetto quindi per le famiglie con bambini.
  • Bolognese. Piccolo e agile, il Bolognese vanta un pelo lanoso, a causa delle nuvole di pelo che sembrano gomitoli arrotolati. Inoltre, è anche un gran giocherellone. Ama correre all’aria aperta e quindi bisogna potergli garantire il giusto movimento fisico. Il suo particolarissimo pelo va spazzolato con regolarità.
  • Lhasa Apso. Cagnolino di piccola taglia che proviene dalle montagne tibetane. Delizioso e tranquillo, sembra un cespuglio di pelo ambulante! Il suo pelo è piuttosto impegnativo. Bisogna spazzolarlo regolarmente usando una spazzola per cani a pelo lungo; inoltre, va pulito con uno shampoo specifico per cani a pelo lungo, meglio ancora se seguito dall’applicazione di un olio districante.
  • Pechinese. Piccolo cagnolino dal lungo pelo che lo rende molto buffo. Inoltre, il suo musetto simpatico rispecchia il carattere affettuoso e amichevole. Nonostante ciò, rimane comunque un cane indipendente e particolarmente testardo. Non è facile da educare.
Pechinese, un cane a guardia dei palazzi cinesi e dei monasteri tibetani

  • Shih-Tzu. Era il cane preferito dagli imperatori cinesi. Oggi, invece, è un compagno di vita che molti scelgono di accogliere in casa. A causa del suo mantello è soprannominato ‘cane leone’, perché il pelo che cresce attorno al muso sembra una criniera. Possiede anche una buffa coda a pennacchio, davvero molto caratteristica. Il suo mantello va curato per bene, spazzolandolo regolarmente e lavandolo con un apposito shampoo, perché tende ad accumulare grandi quantità di sporcizia. Un tempo questo cagnolino era considerato simbolo di forza e potere, e viveva esclusivamente nei monasteri buddhisti.
  • Schnautzer nano. Facilmente riconoscibile per il curioso muso allungato e squadrato, caratterizzato dalla presenza di una vera e propria “barba” (da cui la parola “schnauz” che significa “baffo”, “barba”), È un cane forte, solido e molto affettuoso. Perfetto per la vita casalinga, è affettuoso ed amorevole con tutti gli abitanti di casa.

Come fare con i cani a pelo lungo quando è caldo

Quando le temperature aumentano, i cani provvisti di un mantello a pelo lungo possono essere soggetti a colpi di calore.

È quindi importante assicurarsi che il loro pelo sia nelle migliori condizioni possibili. Se ben curato, li aiuterà a regolare la loro temperatura corporea. Inoltre, abbiate alcune accortezze utili ad evitare un colpo di calore e renderli più tranquilli.

  • Rimuovete il pelo ed il sottopelo morto, per aiutare ad arieggiare la sua pelle del cane e raffreddarlo.
  • Tagliategli il pelo, se volete, ma fate attenzione a non toglierne troppo ed a non rasarlo, perché il pelo aiuta a regolare la temperatura del vostro amico e lo protegge la pelle dalle scottature.
  • Tenete i cani a pelo lungo in casa quando fa molto caldo ed evitare di lasciarli in macchina.
  • Assicuratevi di avere molta acqua per il vostro cane e fate delle pause in una zona ombreggiata, se decidete di andare all’aperto.

Se comincia ad ansimare in maniera eccessiva, ha una respirazione affannosa, o un aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, una forte salivazione, zoppia o fiacchezza, e perfino un malessere, si tratta di un colpo di calore. Se il vostro cane mostra questi sintomi, contattate immediatamente il veterinario.

Cura dei cani a pelo lungo

In genere, si tratta di animali da compagnia piuttosto impegnativi per via della gestione del loro lungo pelo, che richiede tempo, costanza e impegno economico.

Prima di scegliere questo tipo di cane, è quindi bene essere consapevoli che bisognerà dedicargli del tempo per:

  • la spazzolatura quotidiana.
  • portarlo regolarmente a toelettare.
  • asciugarlo alla perfezione dopo una passeggiata sotto la pioggia.
  • usare spazzola, pettine, forbicine e spray districante, strumenti indispensabili per le cure casalinghe.

Di norma, bisogna spazzolare quotidianamente questi cani per rimuovere eventuali foglie, legnetti e fili d’erba al rientro da una passeggiata.

Se non si ha la costanza di effettuare questa attività basilari, si potrebbe anche arrivare al punto di dover tagliare alcune ciocche di pelo a discapito della sua bellezza. Senza ovviamente dimenticare i potenziali danni per la salute del cane.

Altri approfondimenti

Ti segnaliamo anche questi altri articoli in materia che potrebbero interessarti:

Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.