Categories: Rinnovabili

Celle solari double face, per aumentare ancora di più la resa

Perché raccogliere l’energia del sole da un unico piano anziché dotare le celle fotovoltaiche di due ‘facce’  egualmente ricettive? È quello che devono aver pensato i produttori dell’azienda israeliana B-Solar, che hanno appena presentato un’innovativa gamma di celle solari ‘fronte-retro’, in grado cioè di captare la luce del sole su entrambi lati.

Questo vuol dire guadagnare il 50% in più della resa energetica di una normale cella ‘unidirezionale’ e ottimizzare con un unico supporto l’energia derivante dal sole.

Le celle fotovoltaiche bifacciali B-Solar sono in grado di sfruttare sia la luce solare diretta che quella indiretta e diffusa, aumentando notevolmente la quantità energia complessivamente prodotta. La speciale superficie in silicio monocristallino che compone le ‘facce’ delle celle consente un’efficienza estrema, massimizzata dalla tecnologia BSF (Back Structure Field) a base di boro, che sostituisce la tradizionale lastra di alluminio usata per le celle mono- facciali. Questo vuol dire zero dispersioni e massima resa.

Ciò che rende diverse dalle celle tradizionali le bifacciali prodotte da B-Solar, infatti, è la mancanza di chiusura delle celle fotovoltaiche di silicio con materiali opachi (generalmente l’alluminio), sostituiti con il boro, che garantisce trasparenza e aumenta la quantità di luce riflessa captabile, anche in condizioni di nuvolosità.

I vantaggi sono molteplici: oltre al risparmio economico e all’aumento dell’efficienza produttiva, l’effetto estetico è decisamente migliore dal momento che il materiale utilizzato rende semi-trasparente il pannello posteriore e quindi facilmente integrabile su superfici in vetro, pensiline, barriere antirumore e diverse strutture architettoniche.

Una bella innovazione che ci auguriamo trovi il meritato successo anche sul mercato.

Leggi anche:

Outbrain

View Comments

Share
Published by
Erika Facciolla

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.