Categories: Notizie

Chernobyl: morte sospetta di scienziato che ne denunciava le conseguenze…

E’ morto ieri a Minsk in Bielorussia Ivan Nikicenko, prestigioso scienziato Russo membro dell’Accademia nazionale delle Scienze.

Ivan Nikicenko era ricoverato in ospedale dopo un mosterioso inciidente d’auto in cui era stato travolto da un camion.

Ivan Nikicenko da molti anni denunciava il fatto che le popolazioni di Chernobyl stanno consumando prodotti tuttora contaminati e aveva anche denunciato la mala gestione dei fondi post emeregenza che secondo Nikicenko nella zona NON erano mai arrivati, ma bensi’ erano stato dirottati in altre tasche.

Le coincidenze ci stanno tutte…che ne pensate?

Il tutto stride alla grande con le dichiarazioni del (ex) leader degli ambientalisti americani, Stewart Brand, ora scrittore di successo che nel suo ultimo libro dichiarava che a Chernobyl “la fauna è tornata a moltiplicarsi abbondantemente” e che verrà a breve realizzato un Parco Naturale.


Outbrain

View Comments

  • Caro Stewart Brand... guarda che è del tutto normale che la vita animale e vegetale sia rifiorita attorno a Chernobyl, al punto che è diventato il parco faunistico più grande d'Europa e la ragione è una e una sola: non c'è più... l'uomo.

    L'uomo è il primo nemico dell'ambiente, ben prima dell'atomo, e questa ne è la prova più clamorosa.

Share
Published by
Salvo

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.