Città e mobilità del futuro secondo l’Audi Future Center Award

di Roberta del 14 Settembre 2010

Come ci si muoverà nella città del futuro?
Questo era il tema di Audi Future Center Award, un concorso internazionale con cadenza biennale patrocinato dalla casa automobilistica tedesca e partito la scorsa primavera, al quale hanno partecipato 6 tra i più rinomati studi di architettura a livello mondiale: Alison Brooks Architects (Londra), Bjarke Ingels Group (Copenhagen), Cloud9 (Barcellona), Diller Scofidio + Renfro (New York), J. Mayer H. Architects (Berlino) e Standardarchitecture (Pechino).

Città e mobilità del futuro secondo l’Audi Future Center Award

Gli studi partecipanti come prima cosa si sono riuniti a Ingolstadt, presso la sede Audi, incontrando esperti della tecnica, del design e della corporate strategy di Audi ed approfondendo temi come l’elettrificazione e la interconnessione multimediale, e sul modo in cui queste tecnologie cambieranno il mondo dell’automobile e forniranno nuove soluzioni di mobilità sostenibile.

Una volta sviluppati i diversi progetti, l’atto finale si è svolto in occasione dell’ultima Biennale a Venezia, lo scorso fine Agosto.
Il premio finale è andato a Juergen Mayer, che ha proposto una visione altamente evocativa di automobile intesa non più solo come strumento di locomozione, ma una sorta di mezzo per “vedere” la realtà ed interagire con l’ambiente urbano in una maniera totalmente diversa.

Come dice Mayer per spiegare la sua visione: “La macchina diventa una macchina di visualizzazione. Che significa che l’occupante può sperimentare l’ambiente urbano in modo completamente diverso, indipendentemente dal fatto che la vettura è in movimento o ferma. Ciò che stiamo sostenendo è che la città va ripulita di tutte di gli strumenti che oggi sono importanti per rendere la mobilità individuale nella città possibile.”

Concetto rivoluzionario che traspare anche da questa interessante videointervista:

Una mostra di tutti i progetti è visitabile fino al 26 Settembre alla Scuola Grande della Misericordia, vicino alla Stazione.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment