Design

Compost farm, il tagliere con deposito per farsi il compost in modo cool

Secondo alcune statistiche, negli Usa i resti di alimenti costituiscono circa il 13% della spazzatura totale prodotta dai cittadini. Eppure, questa consistente categoria di rifiuti potrebbe essere utilizzata per il compostaggio, e quanti vorrebbero riciclarla non lo fanno per motivi di spazio.

Compost farm, il tagliere con deposito per farsi il compost in modo cool

A loro hanno pensato una coppia di giovani fantasiosi designer tedeschi, Charlotte Dieckmann e Nils Ferber, creando un set di compostaggio dalle linee ultra-cool chiamato Parasite Farm, per via dell’azione di trasformazione dei rifiuti organici in compost affidata ai batteri.

GUARDA LE FOTO DEL SET DI COMPOSTAGGIO!

Come funziona? Si tratta di un set completo costituito da un tagliere montato su di un cestino in cui buttare gli avanzi del cibo dopo la preparazione o il consumo (bucce, semi, pezzetti). Accanto uno scaffale contiene fioriere e contenitori per il compost.I piccoli vermi trasformano i residui in humus, perfetto per fertilizzare il terriccio. Si raccoglie dal basso scuotendo semplicemente il cassettino ed estraendolo, mentre l’acqua residua viene travasata a parte come un naturale fertilizzante liquido e raccolta in un contenitore apposito. Entrambi vengono poi versati nelle fioriere come concimi, per realizzare mini giardini indoor.

I due tedeschi, che hanno formato una società – la Ferber Co. Design – stanno cercando un partner per produrre la loro invenzione, già testata in casa loro per diversi mesi.

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close