Ecogiochiamo: il portale del giocattolo green

di Eryeffe del 28 settembre 2011

Il primo canale dedicato all’ e-commerce del giocattolo ecologico in Italia si chiama Ecogiochiamo ed è il primo negozio online specializzato nella vendita di giocattoli rigorosamente eco-sostenibili. L’iniziativa è frutto dell’intuizione del fondatore Matteo Caroli – programmatore web – e della sua compagna – un’educatrice – che insieme hanno dato vita all’originale attività che coniuga la filosofia ecologica con la creatività.

Ecogiochiamo: il portale del giocattolo green

I prodotti acquistabili sul sitodi Ecogiochiamo.it, infatti, sono interamente realizzati con materiali naturali, riciclabili e atossici, e seguono una filiera produttiva corta ed orientata al rispetto delle condizioni di lavoro e dell’individuo.

LEGGI ANCHE: REGALA ECO GIOCHI SOSTENIBILI PER NATALE

Il progetto commerciale nasce con l’intento di sensibilizzare gli utenti (partendo proprio dai più piccoli) alle tematiche legate all’ambiente e alla salute dell’uomo: in altre parole, un’ iniziativa che vuol fare del gioco uno strumento educativo green-oriented.

Stimolando la creatività del bambino con giocattoli progettati per accrescere le sue attitudini naturali, Ecogiochiamo promette di diventare un punto di riferimento nel mondo degli articoli per l’infanzia, capace di coniugare le finalità del business con l’amore e il rispetto per la natura.

Un rispetto che si palesa anche nella scelta di ricoprire il tetto dove ha sede l’azienda con pannelli fotovoltaici che garantiscano la copertura del fabbisogno energetico dell’attività.

Sul sito di Ecogiochiamo è possibile acquistare con pochi “click” giocattoli di vario tipo per bambini e bambine di tutte le età, realizzati in cartone, seta naturale, legno e altri materiali tutti eco-compatibili e da fonti controllate naturali ma al tempo stesso durevoli e sicuri. Troverete i giochi da fare all’aperto, quelli tradizionali e di una volta, i giochi da tavolo e di laboratorio. Una gamma notevole per soddisfare i desideri dei bambini più “impegnativi”.

Provare per credere.

 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment