Eole Water: la turbina eolica che trasforma l’umidità in acqua potabile, oltre a generare elettricità

di Claudio Riccardi del 25 maggio 2012

Prelevare acqua dal vento, sfruttando l’umidità presente nell’aria.

Non si tratta di un’idea avveniristica ma di un progetto concreto e già messo in opera, vediamo di scoprirlo insieme.

Eole Water: la turbina eolica che trasforma l’umidità in acqua potabile, oltre a generare elettricità

I francesi dell’azienda Eole Water hanno messo a punto una speciale turbina eolica, denominata WMS1000, in grado di produrre mille litri di acqua potabile al giorno, semplicemente sfruttando il principio che origina la rugiada.

Il fenomeno fisico è ben noto:  di fronte a repentini abbassamenti della temperatura, l’umidità dell’aria si accumula in goccioline dí acqua. Allo stesso modo il macchinario  brevettato da un giovane ricercatore, Marc Parent, è  in grado di catturare e liquefare  l’umidità relativa presente nell’aria, ovvero la percentuale variabile di acqua in sospensione presente nell’atmosfera.

Nello specifico, l’elica della turbina eolica dapprima aspira, poi filtra e infine rimineralizza l’acqua.

Il tutto in maniera del tutto eco-friendly, visto che la turbina funziona sospinta dall’energia del vento.

Eole Water prevede di costruire modelli capaci di produrre 5mila litri di acqua ogni giorno.

La turbina è anche in grado di produrre 30 kW di energia elettrica.

Numeri confortanti, che potrebbero fornire unutile risposta alla mancanza di acqua potabile sul Pianeta.

Leggi anche:

{ 3 comments… read them below or add one }

vito viti agosto 16, 2012 alle 11:31 am

Dire che può produrre 30 KW non vuol dire assolutamente NULLA !!!. Cos’è ? la produzione in un giorno in una settimana o in un mese? Quindi se tanto mi da tanto questa è una bella bufala !!!!

Rispondi

Flavio maggio 26, 2012 alle 5:00 pm

A primo orecchio suona come una figata cosmica… però bisogna anche pensare che l’installazione (massiva) di queste strutture può portare alla modifica metereologica dell’area di installazione o, peggio, di aree a centinaia di km di distanza dall’installazione.
Catturare l’umidità di una corrente che regolarmente porta umidità in aree dove questa si condenserebbe e precipiterebbe è paragonabile al cambiamento del corso di un fiume.

Rispondi

Vincenzo maggio 26, 2012 alle 4:27 pm

Interessante ma … abbassando l’umidità dell’aria non si aumenta il rischio di siccità o comunque di ridurre le precipitazioni? Senza contare l’aumento del fenomeno dell’evapotraspirazione nelle piante, che seccherebbero più facilmente… avendo bisogno di maggiori irrigazioni!
Non so se questa tecnica sia veramente così eco-friendly…

Rispondi

Cancel reply

Leave a Comment