Notizie

Essere green anche tra i banchi di scuola

I nostri ragazzi stanno tornando fra i banchi di scuola, qualcuno sbuffando qualcun altro contento di rivedere i propri amici. Tutto nella norma quindi, anche se quest’anno il rientro ha portato con sé una bella novità: si è registrato un forte aumento dell’acquisto di prodotti di cancelleria bio-degradabili.

Essere green anche tra i banchi di scuola

A sostenere l’aumento della vendita di materiali bio sono le statistiche offerte dall’azienda italiana Quibio, che sul proprio sito internet propone gadget e kit per la scuola in Mater-Bi, un polimero ottenuto da fonti rinnovabili, come l’amido di mais.

Sempre secondo Quibio, quest’anno si è verificato anche un boom nella vendita delle bio-penne e delle stoviglie per le mense scolastiche, due indicatori differenti ma che ci fanno riflettere su come cambino le scelte sia degli italiani che delle amministrazioni scolastiche, quando viene offerta loro la possibilità di fare acquisti eco-consapevoli.

Davanti a questa tendenza la Grande Distribuzione non è restata a guardare e ha portato sugli scaffali una fitta collezione di block notes, quaderni, penne ed evidenziatori ricavati dal riciclo del tetrapack e dal riciclo della plastica.

E anche su Internet per i ritardatari e per chi volesse risparmiare dando una mano all’ambiente, si trovano varie proposte sul sito inglese Ecoutlet. Sono ancora disponibili gli zaini realizzati da una cooperativa filippina per appena 10 euro. Davvero nulla in confronto ai prezzi proposti da grandi marchi non-green. Si possono acquistare zaini e porta penne realizzati con materiale di scarto, dal cartone del latte a quello del succo di frutta. Ci sono anche i righelli e e le pinzatrici in plastica riciclata.

Sono invece in canapa e in cotone rigorosamente biologico gli zaini della Ecogear, senza pvc e sostanze chimiche. Saranno perfetti per i più piccoli i trolley della serie “ecozoo”, a forma di simpatici animali.

La scuola green poi si riconosce dal marchio eco-school, una certificazione di cui si possono fregiare solo chi decide di seguire un percorso volto alla diffusione di comportamenti sostenibili per la salvaguardia ambientale.

Mai come quest’anno l’attenzione verso l’ecologia e la eco-sostenibilità sono al centro dell’attenzione del mondo scolastico. La speranza è che sensibilizzando i bambini verso un comportamento virtuoso e rispettoso dell’ambiente si potrà avere un mondo migliore, perché saranno gli adulti di domani!

Articoli correlati:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close