Notizie

Filippine: Coca Cola e WWF lanciano cartellone pubblicitario veramente TuttoGreen

Coca Cola e il World Wildlife Fund hanno realizzato un progetto di pubblicità “sostenibile” nella città di Makati nelle  Filippine che è davvero curioso: si tratta di una enorme cartellone pubblicitario, Billboard in inglese, delle dimensioni molto considerevoli di 18 metri per 18 metri e rappresenta ovviamente una bottiglia di Coca Cola “disegnata” nei contorni da ben 3600  piante verdi, (piante da tè Fukien).

Filippine: Coca Cola e WWF lanciano cartellone pubblicitario veramente TuttoGreen

La pubblicità ha un messaggio che dice “Questa Pubblicità assorbe i fattori inquinanti dell’aria“, come dargli torto, l’installazione a regime potrà assorbire ben 23.000 tonnellate di CO2 all’anno.

Eccovi il cartellone nella sua interezza, che ne pensate? mossa strategica di Green Marketing o può essere un’effettiva svolta nella comunicazione?

Il Billboard che assorbe CO2
Il Billboard che assorbe CO2

Articoli correlati

Un commento

  1. A parte l’originalità e la strana sensibilità ambientale, non possiamo dimenticare che da molti anni la Coca Cola è boicottata in tutto il mondo.

    Dal 1989 ad oggi il sindacato colombiano SINALTRAINAL ha subito decine di sequestri, torture, minacce di morte, sfollamenti forzati, montature giudiziarie.
    8 leader sindacali sono stati assassinati.

    Coca-Cola Company è accusata di essere responsabile di questa campagna repressiva attuata per mezzo degli ‘squadroni della morte’ dei paramilitari colombiani.

    DOPO IL FALLIMENTO DELLE TRATTATIVE A NEW YORK
    DAL 16 OTTOBRE 2007 SINALTRAINAL RIPRENDE IL BOICOTTAGGIO (http://www.tmcrew.org/killamulti/cocacola/)

    La The Coca-Cola Company è stata accusata di non osservare standard produttivi adeguati alla salvaguardia della salute dei consumatori e dei lavoratori. In particolar modo in India la Coca-Cola ha subito numerosi boicottaggi e proteste a causa della condizione degli stabilimenti locali, ritenuta scarsamente igienica, e alla presunta inosservanza della tutela dell’ambiente. In India, nel 1970, la Coca-Cola fu bandita poiché la Compagnia si rifiutava di rendere pubblica la lista degli ingredienti della propria bevanda. La messa al bando proseguì fino al 1993. Successivamente, in seguito a uno studio condotto dal Center for Science and the Environment (CSE) (laboratorio scientifico indipendente a Nuova Delhi) che rivelò la presenza in Coca-Cola e Pepsi di residui di pericolosi pesticidi in concentrazioni fino a trenta volte maggiori dei limiti stabiliti dalle norme indiane ed europee, il 7 dicembre 2004, la Suprema Corte dell’India impose alle multinazionali l’obbligo di apporre su tutte le confezioni un’etichetta recante l’attestazione di pericolo per i consumatori.
    Fonte –> (http://it.wikipedia.org/wiki/Coca-Cola)

    Non parliamo poi dei danni alla salute: “La Coca-Cola è stata accusata di provocare danni alla salute, anche perché, fra i suoi ingredienti, figurano la caffeina ed elevate quantità di zucchero. A causa delle forti dosi di caffeina e di zuccheri semplici (soprattutto caramello), è una bevanda eccitante e molto calorica. L’azienda si difende affermando che la quantità di zuccheri semplici che contiene il suo prodotto è paragonabile a quella di succhi di frutta o altre bevande estive…(continua) ”
    Fonte –>(http://it.wikipedia.org/wiki/Coca-Cola)

    E’ difficile pensare che una “multinazionale” il cui Dio è, solo ed esclusivamente, il “profitto” possa cambiare, operando per il bene dell’umanità.

    un saluto di pace
    madu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close