Food Management and Green Marketing, il master per futuri esperti di alimentazione bio

di Luca Scialò del 18 febbraio 2012

Per la formazione alle professioni legate al mondo dell’eco-sostenibilità le Università italiane sono ancora indietro. Alcune istituzioni cominciano a istituire corsi e specializzazioni ma sono ancora insufficienti rispetto alla reale richeista di un mercato in forte espansione, soprattutto nel campo dei prodotti e degli alimenti bio.

A colmare questo gap ci prova l’Università Cattolica del Sacro Cuore, proponendo un Master in Food Management and Green Marketing.

Il percorso formativo è affidato all’Alta Scuola per l’Ambiente (ASA), struttura che fa capo alla stessa Cattolica, ed è nata per formare gli operatori di domani e dunque rispondere al meglio alle problematiche ambientali e alle trasformazioni economiche, sociali e culturali in atto.

Il campo agro-alimentare è sicuramente uno dei più interessanti e soggetti ad una “mutazione” che li ha portati ad un crescente legame con il mondo del biologico ma che ancora è in cerca di figure professionali nuove capaci di operare non solo nel marketing ma sull’intera filiera, dalla produzione al controllo qualità ed alla distribuzione.

Inoltre, l’alimentare è un comparto dove non c’è solo la produzione ma anche realtà legate ai servizi di consulenza, centri di formazione professionale, associazioni di categoria, organizzazioni internazionali e organizzazioni non governative.

Sono previsti dei laboratori (Analisi dei rischi in ambito agro-alimentare, Comunicazione e responsabilità sociale d’impresa, Green marketing) e degli stage finali presso aziende e centri di ricerca. Inoltre si prevedono borse di studio e prestiti agevolati, grazie ad un accordo con una banca, senza dover presentare garanzie reali o personali.

Per maggiori informazioni andate al sito ufficiale ASA.

Cerchi un lavoro legato al mondo della salvaguardia ambientale e delle rinnovabili? Guarda anche questi articoli sui green job:

 

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Giacomo febbraio 19, 2012 alle 12:50 am

Peccato che le iscrizioni siano scadute il 25 gennaio…sarebbe stata una bella occasione

Rispondi

Leave a Comment