Francia: anche il 77% dei Francesi non vuole il nucleare

di Barbara Nazzari del 14 Giugno 2011

Prima la Svizzera, poi la Germania, ora l’Italia con un’affluenza ai seggi per il referendum contro il nucleare che supera ogni più rosea aspettativa. E anche i francesi non sembrano pensarla diversamente, a dimostrazione di un trend che si sta espandendo a macchia d’olio in tutta Europa.

Francia: anche il 77% dei Francesi non vuole il nucleare

Con il 74% dell’energia elettrica generata col nucleare e 19 centrali in funzione, sparse su tutto il territorio nazionale, la Francia è uno dei paesi più nuclearizzati del mondo. Una situazione che non viene messa in discussione dal governo ma che sembra non rispecchiare affatto il pensiero popolare che va manifestandosi con sempre più forza.

Secondo un sondaggio dell’Ifop (Institut français d’opinion publique, istituto di sondaggi leader in Francia) infatti, il 77% dei francesi opterebbe per l’abbandono del nucleare, alcuni immediatamente (15%), altri gradualmente, nell’arco di una trentina d’anni (62%). Una scelta che non sembra dettata soltanto dalla tragedia di Fukushima e dall’ondata emotiva che ne è conseguita.

Il “sangue freddo”, a cui ha fatto appello il presidente Sarkozy in un recente intervento, non serve a rendere più sicure le centrali né a risolvere il problema, ad oggi irrisolto, dello smaltimento delle scorie.

Queste sono problematiche che l’opinione pubblica ha sempre più chiare e su cui ha intenzione di fare sentire la propria voce. Problematiche che all’Eliseo non possono più ignorare. Cosa farà Sarkozy anche in vista delle prossime elezioni all’Eliseo?

{ 3 comments… read them below or add one }

Ennio giugno 15, 2011 @ 9:46 am

Che poi dire che in Italia abbiamo bisogno del nucleare perché ne han bisogno in Cina e’ una boiata assurda. Basta guardare come cresce il fabbisogno energetico cinese rispetto a quello italiano. E comunque la Cina sta investendo moltissimo in rinnovabili

Rispondi

salvo giugno 15, 2011 @ 7:43 am

Forse andremo in Cina a costruire…. parchi eolici, visto che in Cina l’anno scorso è stata installata META’ della POTENZA MONDIALE.
Per il resto GAS molto meglio di CARBONE fintanto che le rinnovabili non raggiungono la grid parity, cosa che avverrà molto prima che si possa costruire una sola costosissima ed obsoleta centrale nucleare, in Italia o altrove.

Rispondi

Piero Iannelli giugno 14, 2011 @ 10:40 pm

Andremo prufughi in Cina.. dove fortunatamente ste eco-tarantelle non attaccano.. o in Giappone dove si è risposto chiaramente.. : il nucleare è INDISPENSABILE!

Peraltro le alternative sono il GAS e il CARBONE..

Rispondi

Leave a Comment