Notizie

Genova, pendolari in rivolta per soppressioni dei treni locali. Ma li vogliamo tutti in auto?

Pendolari e associazioni ambientaliste insieme a Genova, con l’obbiettivo di porre l’attenzione sul problema del trasporto pubblico. In particolare, le associazioni ambientaliste liguri fanno sentire la propria voce in relazione al livello di inquinamento da benzene della città che ha raggiunto livelli preoccupanti ( da una recente ricerca di Legambiente emerge che di giorno supera i limiti di legge) e che, assieme all’inquinamento da rumore, abbassa notevolmente la qualità di vita della città.

Genova, pendolari in rivolta per soppressioni dei treni locali. Ma li vogliamo tutti in auto?

La soluzione è il trasporto pubblico. Ma nelle città liguri, strette tra montagne e mare e con una struttura urbana del tutto particolare e decentrata, non si può pensare al ‘classico’ trasporto pubblico.

E’ proprio questa la richiesta dell’associazionismo e dei pendolari liguri: una riorganizzazione del trasporto tra  ferro e gomma per una maggiore efficienza del servizio. Soprattutto,  far sì che chi usa l’auto possa trovare comodo il trasporto pubblico e chi è già un utente non ‘torni’ all’auto.

Per i turisti: scoprite Velozena, il risciò per visitare Genova

La decisione di costituire un fronte per il trasporto regionale è nata dopo il taglio di diversi treni e autobus locali e regionali in conseguenza della manovra finanziaria. Il Forum Ligure del Tpl (trasporto pubblico locale) – così si chiama questo insolito movimento – è pronto a annunciare manifestazioni, iniziative di protesta, incontri informativi.

Il prossimo obbiettivo è: partecipare, con ruolo attivo e decisionale a un tavolo con la Regione Liguria.

A Genova e in Liguria vedi anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close