Google investe in Shweeb, la monorotaia a pedali per il trasporto urbano

di Salvo del 21 Agosto 2011

Avete presente Futurama, il famoso e irriverente cartoon americano ambientato nella New York del futuro? Bender, Fry e Leela girano per la città grazie a dei tubi collegati tra loro che si sostituiscono agli attuali mezzi di trasporto.

Google investe in Shweeb, la monorotaia a pedali per il trasporto urbano

Shweebinnovativa forma di trasporto alternativa, funziona quasi come i tubi di Futurama, con la differenza che le persone si piazzano in tubi di plastica appesi a una rotaiae dotati di pedali, attraverso i quali giungono a destinazione. Pedalando, appunto. Può sembrare strano, scomodo e faticoso, ma se un colosso come Google crede che Sheeweb possa trasformare il modo in cui tutti noi ci muoviamo nelle città, arrivando a investire ben 1,05 milioni di dollari, allora occorre prestare la giusta attenzione al progetto.

Infatti, oltre ad essere sostenibile, Shweeb ha anche il pregio di essere un veloce mezzo di trasporto e non stiamo parlando di ipotesi ma di esperienze fatte direttamente sul campo: esiste già un percorso di 200 metri dedicato alla monorotaia di Shweeb, a Rotorua (Nuova Zelanda). Le tante persone che hanno provato l’ebbrezza del trasporto nei tubi di plastica hanno giudicato il tutto come un’avventura adrenalinica. Coloro che usano questo mezzo di trasporto alternativo percorrono il tragitto in tubi ciclabili sospesi in aria e pedalano a una velocità di 45 km/h.

I tubi ciclabili di Shweeb hanno ben 7 marce e presentano, al loro interno, una postazione reclinante, necessaria per il confort di chi conduce il tubo. Il sistema è stato molto apprezzato dai turisti e Google ritiene che si possano coinvolgere numerose altre città nel mondo.

L’interesse dell’azienda di Montain View per il progetto è nato grazie a Project 10100, iniziativa di Google attraverso cui si cercano soluzioni che facciano del mondo un posto migliore. La competizione attrae numerose idee e svariati progetti. Basti pensare che solo quest’anno Google ha ricevuto oltre 150mila proposte da 170 paesi. Shweeb è stata giudicata come una delle cinque migliori idee, anche attraverso i voti del pubblico, ottenendo il primato nella categoria “Innovazioni della guida nel trasporto pubblico”.

L’idea da cui è nato Shweeb è stata concepita dal ciclista australiano Geoff Barnett, durante la sua permanenza a Tokyo. Dopo sei anni, Geoff è riuscito a testare il sistema proprio a Rotura per poi lanciarlo. Correva l’anno 2007. Da allora, più di 30mila persone hanno provato Shweeb e, nel frattempo, è stato anche registrato il record di metri percorsi nel minor tempo: 600 metri in 55 secondi.

Il direttore del progetto, Peter Cossey, dice che Google vorrebbe costruire un nuovo impianto  nell’emisfero settentrionale, poiché a Montain View credono fermamente che Shweeb possa diventare un mezzo di trasporto alternativo e sostenibile per numerose persone.

Chissà se a breve vedremo monorotaie percorse da tubi di plastica dotati di pedali anche in città come Londra, San Francisco, Roma o Milano…

{ 1 comment… read it below or add one }

moro88 agosto 21, 2011 @ 8:16 pm

questo è abbastanza ridicolo. un colosso come google investe tutti quei soldi in minchiate del genere? bene, si vede che ne ha da buttare. ma diamine, almeno fallo funzionante elettricamente tramite pannelli solari…bah

Rispondi

Leave a Comment