Notizie

Green Hill: finalmente il sequestro

Finalmente, dopo un lungo tira e molla giudiziario, oggi vengono posti i sigilli a Green Hill. La struttura ospitava un allevamento di beagle destinati agli esperimenti dei laboratori di ricerca tra cui anche la vivisezione ma la recente legge europea (Direttiva Europea 2010/63), che è stat recepita anche in Italia, ne aveva in parte già ridotto l’attività, sebbene non avesse fatto chiudere l’allevamento di Montichiari (BS).

Green Hill: finalmente il sequestro

FOCUS: Stop agli allevamenti di animali per la sperimentazione con la direttiva europea 2010/63

Tra i motivi della chiusura forzata anche il maltrattamento degli animali, per cui sono state iscritte tre persone al registro degli indagati. E sono stati i documenti di denuncia presentati da Lega Antivivisezione e Legambiente a portare a questo passo risolutivo.

Finalmente una buona notizia sul fronte dei maltrattamenti animali e un passo avanti verso l’applicazione di noprme più ‘umane’ per i nostri amici a quattro e due zampe, che non meritano tutto questo! Tuttavia restano forti dubbi sull’emendamento dell’ex-ministro Brambilla e sulla stessa direttiva UE, che limita l’uso di animali per scopi scientifici escludendo cani, gatti e primati ma non impedisce tuttavia che altri animali subiscano la triste sorte della vivisezione.

Per conoscere la storia di Green Hill, leggi questo articolo: La chiusura di Green Hill si avvicina, finalmente

Rossella

Fondatrice e responsabile editoriale, è da sempre interessata al tema della sostenibilità ed in particolare ai temi di casa e giardino. Dopo la nascita la maternità ha sentito l’esigenza di un sito come tuttogreen.it per dare delle risposte alla domanda “Che mondo stiamo lasciando ai nostri figli?”. Ha quindi deciso di trasformare tuttogreen.it in un impegno più serio e dopo poco, presa dall’entusiasmo ho creato anche il fratellino francese, www.toutvert.fr e un magazine di stile e design internazionale, non solo eco-sostenbile: designandmore.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button