Hawaii puntano al 40% di rinnovabili entro il 2030

di La Ica del 8 settembre 2015

Le isole Hawaii puntano all’autosufficienza energetica, aumentando il loro interesse per il solare (vedi anche Breve storia dell’energia solare)

. Dopo la notizia dell’inaugurazione del parco eolico di Kawailoa, presso l’isola di Oahu, il 43esimo Stato americano era riuscito a coprire un buon 5-10% di energia pulita del suo fabbisogno quotidiano. Ora ha in programma di raggiungere il 40% entro il 2030, ma sembra che potrebbe arrivare ad un ben più ambizioso 100% entro il 2045, diventando il primo Stato americano a funzionare totalmente senza l’uso di combustibile fossile.

LEGGI DI El Hierro: la prima isola al 100% alimentata da energie rinnovabili

Dal 2007 le unità fotovoltaiche hawaiane non hanno fatto che aumentare; gli impianti presenti sulle isole sono infatti ormai 20.000, e in quanto ad energia prodotta equivalgono ad una centrale elettrica di medie dimensioni.

Questo grazie anche agli incentivi governativi e al nuovo programma che nel maggio scorso ha messo a bilancio ben 23 miliardi di euro; 33 miliardi di euro erano già stati investiti nel 2011 per dare vita ad una smart grid per la gestione di solare, eolico e geotermico sull’isola di Maui.

SAI CHE SI PUÒ RICAVARE Energia dal mare, sfruttando differenza di temperatura tra acque profonde e superficiali?

Kanehoe Marine Base

Presso la base militare di Kanehoe, l’impianto fotovoltaico è costituito da un film sottilissimo integrato nel tetto

A causa della loro posizione, le Hawaii hanno da sempre dovuto importare la quasi totalità dell’energia utilizzata per abitazioni, esercizi commerciali e fabbriche, con costi di servizio esorbitanti (nell’ordine del +175% rispetto al resto degli Stati Uniti); ad oggi invece, il 22% dell’energia prodotta proviene da fotovoltaico ed eolico, grazie alla scelta, operata da utenti privati e aziende, di installare pannelli solari sui soffitti delle proprie case o stabilimenti.

Anahola

L’impianto fotovoltaico della società elettrica di Kauai (KIUC) è composto da più di 57.000 pannelli solari

Grandi passi sono stati compiuti per produrre energia solare destinata agli edifici pubblici, ad esempio, già lo scorso anno, un produttore tedesco di moduli fotovoltaici Conergy AG e l’azienda locale Hawaii Pacific Solar (HPS) hanno avviato un progetto per montare 522 moduli da più di 170.000 kWh presso la scuola pubblica di Aiea;

La strada intrapresa è quella giusta: in giugno, la nuova legge locale House Bill 623 permetterà l’avviamento di nuove iniziative per fonti energetiche sostenibili, volte ad affrancare le Hawaii dal petrolio.

Potrebbero interessarti anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment