Il progetto Sun for life: 999 tetti fotovoltaici a costo zero per il consumatore

di MaryPz del 9 dicembre 2011

Come noto, il mercato del fotovoltaico oggi è in grossa crescita in Italia e nel mondo, grazie al convergere di una molteplicità di fattori: l’esigenza di una fonte di energia pulita, la presenza di incentivi fiscali e tariffe incentivanti, i miglioramenti della tecnologia (al punto che si parla di una vera e propria legge di Moore dell’energia solare).

Attualmente, il costo di istallazione di un impianto fotovoltaico si aggira intorno ai 8.000/10.000 euro, una cifra che lo pone alla portata di un crescente numero di utenti, stante il vantaggio di potere azzerare completamente il costo della bolletta energetica.

Grazie al conto energia, che ha lo scopo di remunerare la produzione di energia solare (e non l’istallazione) le famiglie incassano la cosiddetta “tariffa incentivante” e solo dopo aver completamente soddisfatto il proprio bisogno energetico, e quindi azzerato il peso della propria bolletta, esse produrranno profitti cedendo al gestore della rete l’energia prodotta in eccesso.

Sun for life

Tra le varie offerte sul mercato in questo periodo, troviamo l’innovativa offerta della A&C E.S.Co. S.r.l. nell’ambito del progetto “Sun for Life”: la società, accreditata A.E.E.G. (Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas), ha messo a punto un’offerta per l’installazione del fotovoltaico che non richiede nessun esborso finanziario dalle tasche del cliente.
E’ questo il tratto distintivo del progetto “Sun for Life S.E.R.”, rivolto a tutti i privati cittadini che intendono realizzare un impianto fotovoltaico sul tetto della propria abitazione,  usufruendo del fondo S.E.R. (Sviluppo Energie Rinnovabili).

Un team di esperti fornisce ai soggetti aderenti al bando preventivi gratuiti per la realizzazione di impianti fotovoltaici, calibrati ed adattati alle specifiche esigenze del richiedente, il quale realizzato l’impianto dirà addio alla propria bolletta energetica per 20 anni e avrà la possibilità di scegliere se finanziare il progetto con il proprio denaro o chiedere il supporto di un partner finanziario.
Nel primo caso, sul conto dedicato al fotovoltaico si avranno solo flussi di cassa positivi.
Nell’ipotesi di realizzazione con leverage (indebitamento) si potrà chiedere il sostegno finanziario fino al 100% del costo.

Il partner finanziario (banca) che concederà  un mutuo chirografo per 12 anni verrà periodicamente finanziato dalla tariffa incentivante e dagli introiti derivanti dalla vendita dell’energia al gestore della rete. Quindi le rate del mutuo verranno completamente ripagate senza esborsi finanziari da parte del cliente, che avrà:

1) il suo impianto,
2) il risparmio del costo dell’energia
3) un gruzzoletto (”tesoretto”) sul suo conto bancario che aumenterà di anno in anno.

Nel costo dell’impianto è compreso anche il pacchetto manutenzione o assicurazione per i primi 3 anni.
Inoltre, la A&C ha tenuto conto anche dei tempi di attesa del G.S.E. (Gestore dei Servizi Energetici), società per azioni italiana interamente controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, che si occupa di accreditare la tariffa incentivante ai soggetti che investono nel fotovoltaico.

In alcuni casi, il GSE, a causa di ritardi strutturali, potrebbe  ritardare  nell’erogazione del denaro fino ad un periodo massimo di 1 anno, comportando così l’anticipazione della prima rata annuale di mutuo da parte del cliente.
La A&C ha pertanto previsto il Fondo Rotativo SER (Sviluppo Energie Rinnovabili) che consiste in un contributo assegnato, previa valutazione di merito da parte di A&C E.S.Co. S.r.l., ai  privati cittadini che intendono installare sulla propria  unità abitativa un impianto fotovoltaico riciclabile al 100%. Il contributo rotativo può essere concesso per un importo massimo pari al 40% del costo dell’impianto fotovoltaico.
Il fondo SER  ha la funzione di eliminare ogni anticipazione finanziaria da parte del cliente dovuta allo sfasamento temporale tra i pagamenti connessi alla realizzazione dell’impianto fotovoltaico e gli incassi da tariffa incentivante. Successivamente, la cessione dei flussi annui da tariffa incentivante (senza ulteriori esborsi da parte del cliente) farà in modo che la quota di fondo S.E.R., venga gradualmente rimborsata da parte dell’utente.

L’impianto realizzato è garantito dal Consorzio PV CYCLE (materiali riciclabili al 100%) e non contiene alcun materiale tossico o cancerogeno.
A&C E.S.Co. garantisce lo smaltimento, il cui costo può essere quantificato in fase di progettazione e coperto grazie al contributo incentivante ed al Fondo rotativo SER.

Guardiamo con interesse e curiosità a nuove iniziative nell’ambito dell’energia solare e seguiremo con interesse lo sviluppo di questa iniziativa di A&C.

Per ulteriori informazioni, Vi rimandiamo al sito ufficiale del progetto: http://www.aecesco.it/

Contatti:
A&C E.S.Co. s.r.l.
Via Pretoria,197
85100 POTENZA
tel.0971/1940477
N.verde 800-585139
L-V 10:00/13:30| 16:30-19:30

Forse ti potrebbe interessare anche:
Le banche che propongono prestiti ecologici: c’è da fidarsi? Alcuni case study in materia
Il Sole nel carrello: comprare i pannelli fotovoltaici alla Coop direttamente nel carrello della spesa

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment