Notizie

Impediamo la bancarotta degli oceani. Petizione WWF arriva al Parlamento UE forte di 150.000 firme

La battaglia condotta dal WWF per promuovere una modello di pesca sostenibile è approdata al Parlamento Europeo grazie alla solidarietà e l’appoggio dei 150.000 cittadini della UE (di cui 11.000 italiani!) che hanno sottoscritto la petizione. Un’iniziativa che vuole imporre un deciso e definitivo ‘no’ agli sprechi, allo sfruttamento illegale dei mari e alla pesca sottotaglia che sta mettendo a serio rischio la sopravvivenza di molte specie ittiche in tutto il bacino del Mediterraneo (attualmente l’80% degli stock ittici europei è sovrasfruttato).

Impediamo la bancarotta degli oceani. Petizione WWF arriva al Parlamento UE forte di 150.000 firme

VEDI ANCHE: Maxi sfruttamento delle risorse ittiche

Alle tante firme raccolte dai volontari del WWF si sono aggiunte le 30.000 mail inviate dai cittadini europei ai loro rappresentati parlamentari perché si battano in aula e sostengano attivamente la causa adottando un provvedimento legislativo, efficace e condiviso, che metta fine a questa situazione e individui una strada comune per regolamentare la pesca nei mari del Vecchio Continente, chiudendo 30 anni di cattiva gestione.

A ricevere ufficialmente la petizione in questione è Ulrike Rodust, relatrice parlamentare per la politica comune della pesca (PCP), che avrà il delicato compito di spronare i suoi colleghi al voto per approvare una riforma adeguata.

Questa volta senza dubbi o tentennamenti.

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close