Notizie

In Africa una scuola galleggia grazie a barili riciclati e funziona con pannelli solari

‘A’ come ‘Africa’, ‘acqua’, ma anche ‘amore’ per l’ambiente e ‘ambizione’, l’ambizione di costruire un futuro migliore: il progetto della prima scuola galleggiante inaugurata nei sobborghi di Lagos, precisamente a Makoko, in Nigeria, potrebbe essere descritto con queste semplici parole. Ma dietro a tutto ciò si nasconde un desiderio molto più grande, alimentato dalla speranza di chi sogna per le popolazioni africane un destino diverso da quello che i ‘potenti’ della terra sembrano aver già scritto.

In Africa una scuola galleggia grazie a barili riciclati e funziona con pannelli solari

L’artefice di questo incredibile progetto è un architetto locale, Kunle Adeyemi, che affascinato dalle case su palafitte ammirate nella vicina Lagos, ha riadattato l’idea per costruire una scuola in grado di accogliere i 100 bambini della comunità ‘galleggiante’ di Makoko.

Per realizzarla ci sono voluti 6.000 dollari, il legno naturale delle foreste, tanta fatica e soprattutto 256 barili di plastica che di fatto permettono al fabbricato di galleggiare sulle tempestose acque del Golfo di Guinea.

BELLE STORIE DALL’AFRICA: Il ragazzino della Sierra Leone che costruisce generatori con i pezzi trovati in discarica

L’edificio è provvisto di un sistema di pannelli solari che provvedono al rifornimento di energia elettrica, mentre l’acqua delle toilette proviene da una cisterna di raccolta delle acque piovane. Riparati dal sole e dalle intemperie, i piccoli studenti del singolare edificio scolastico sono diventati i pionieri di un nuovo modo di concepire l’architettura locale in maniera sostenibile per l’ambiente e utile per le persone.

Il prototipo, infatti, si presta a molteplici declinazioni e impieghi e potrebbe diventare la soluzione abitativa perfetta per le comunità costiere africane. C’è chi guarda ancora più lontano e immagina che la diffusione di un simile modello potrebbe cambiare per sempre il rapporto – finora molto conflittuale – che gli africani hanno con l’acqua (associata per lo più alle grandi calamità naturali) stimolando così lo sviluppo dell’intero continente.

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close