Notizie

In Francia catena umana lunga 235 km contro il nucleare

Lo scorso 11 marzo in Francia, da Lione ad Avignone, è stata formata una lunga catena umana di 235 km contro il nucleare. La zona scelta non è casuale, giacché la valle del Rodano, con i suoi 11 reattori (su un totale di 58 nella sola Francia), è la regione più densamente nuclearizzata d’Europa. Pertanto, non è difficile immaginare cosa accadrebbe in caso di un malaugurato incidente.

In Francia catena umana lunga 235 km contro il nucleare

Presente anche Legambiente, che per bocca del suo Presidente Ciafani ha così commentato: “un’iniziativa pacifica promossa dall’associazione Sortir du nucléaire che, a un anno dallo tsunami e dal terribile incidente alla centrale giapponese di Fukushima, richiama l’attenzione sui rischi del nucleare e chiede a gran voce la denuclearizzazione della Francia, insieme a una profonda riconversione green del sistema energetico di quel paese fondata su rinnovabili ed efficienza“.

Nel mondo sta comunque avanzando l’idea di abbandonare il nucleare. Secondo le previsioni, la produzione totale di elettricità proveniente da impianti nucleari nel mondo passerà dal 13,5% del 2010 al 6,2% nel 2050. Molti sono infatti i Paesi che dopo l’incidente di Fukushima stanno dismettendo le loro centrali.

Ci auguriamo che anche la Francia, una delle nazioni che più si appoggiano all’energia nucleare, cominci a capire che esistono “alternative” più sicure ed eco-compatibili. La popolazione ne ha già preso coscienza!

Se ti interessa la questione nucleare, guarda questi articoli:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close