Categories: Notizie

In futuro meno energia elettrica a causa del surriscaldamento globale

La temperatura della Terra continua a salire e il rischio ambientale diventa sempre più minaccioso.
Ora gli scienziati lanciano un nuovo campanello d’allarme che riguarda la produzione di energia elettrica che potrebbe scendere del 20% proprio a causa del surriscaldamento del pianeta. A dirlo è l’istituto internazionale per i sistemi di analisi applicati (IIASA), ente con sede in Austria, che ha pubblicato un recente studio su Nature Climate Change. L’indagine è basata sulle previsioni dei corsi d’acqua utilizzati per 61 centrali idroelettriche sparse in tutto Europa e delle 35 negli USA.

In futuro meno energia elettrica a causa del surriscaldamento globale

Il bisogno di ingenti quantitativi di acqua utilizzati negli impianti delle centrali fa sorgere, dunque, molti interrogativi vista l’incidenza negativa della siccità sulla portata dei corsi d’acqua in questione. L’acqua che viene trasformata in vapore per far muovere le turbine, infatti, è responsabile del 90% della produzione energetica europea e del 75% di quella americana

I cambiamenti climatici potrebbero dunque implicare una riduzione dell’energia elettrica prodotta tra il 6 e il 19% per l’Europa e del 4-16% negli Stati Uniti.

E con le torride estati caratterizzate, negli ultimi anni, da vere e proprie ‘ondate’ di calore che alzano vertiginosamente il consumo energetico per via degli impianti di condizionamento, il rischio ‘black out’ nel vecchio continente è tutt’altro che remoto.

Leggi anche:

  • Cambiamenti climatici: il surriscaldamento porterà inverni più rigidi in Europa
  • Scioglimento ghiacci: i ghiacciai della Groenlandia scompaiono in 500 anni?
  • La terra sta perdendo le sue difese naturali? da Nature in arrivo due nuovi studi molto preoccupanti
Published by
Erika Facciolla