In Italia in Valsabbia la più grande centrale fotovoltaica Pubblica Europea

di Salvo del 10 maggio 2011

Oggi vi vogliamo segnalare un esempio significativo di buona gestione e di sfruttamento dei vantaggi delle fonti energetiche alternative che viene dalla Val Sabbia, in provincia di Brescia.

L’esempio ci arriva dalla piccola comunità montana della Val Sabbia, dove è stata realizzata in tempi record una centrale fotovoltaica pubblica perché il finanziamento scadeva entro la fine dell’anno. Il presidente della comunità montana, Ermano Pasini è riuscito in soli tre mesi a realizzare un “miracolo”: ha “strappato” le autorizzazioni necessarie e il consenso dei comuni di destra e sinistra e con grande tenacia, ha ottenuto un finanziamento di ben 23 milioni e mezzo di euro dalla Banca cooperativa Valsabbina.

Così un vecchio rudere adibito ad allevamento di tacchini, con tetti di amianto dannosissimi per la salute, è stato smantellato e ristrutturato. 24.024 pannelli di 38.438 metri quadri sono stati stesi sul terreno con un impatto minimo e un risultato visivo anche abbastanza gradevole: l’area adesso somiglia ad un “lago di luce”.

Allacciato alla rete elettrica, l’impianto fornisce 7,8 milioni di Kilowatt l’anno e produce un ricavo che in parte permette il pagamento del mutuo e in parte va a creare un “fondo spese” per i comuni della zona.

Certo, obietterete, una cosa è realizzare un progetto del genere in un piccolo centro, altra è farlo ad esempio in una zona limitrofa ad una grande città ma comunque rinnoviamo i nostri complimenti sinceri alla Comunità Montana della Valsabbia!

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

paperino aprile 4, 2012 alle 11:55 am

wow!!!!!
7.8 GWh annui… cioe’ lo 0.025% del fabbisogno italiano (che e’ di 31000 GWh)…. caspita!
Tenuto conto che e’ costato 28 milioni di euro, se volessimo coprire il nostro fabbisogno energetico usando il fotovoltaico ci servirebbero 111.3 MILIARDI di euro…. magari sborsati da Greenpeace.
(e chissa’ la notte…)
E chissa’ i pannelli dove li hanno “raccolti”, visto che esiste la pianta dei pannelli fotovoltaici, vero???

P.S. Maledetto art. 21….

Rispondi

Leave a Comment