Eventi

Innovation Festival a Bolzano, dal 27 al 29 settembre, la prima edizione dedicata alle ‘nuove energie’

A Bolzano amministratori e residenti si sono posti un obiettivo preciso: entro un anno garantire in città energia pulita ed a costo zero. Un passaggio che si inserisce in un progetto ancor più ambizioso, quello di divenire centro mondiale di riferimento per la ricerca e l’applicazione di tecnologie legate alle energie rinnovabili.

Innovation Festival a Bolzano, dal 27 al 29 settembre, la prima edizione dedicata alle ‘nuove energie’

Il primo passo, se vogliamo, di questo sogno si chiama Innovation Festival, un evento di respiro internazionale che dal 27 al 29 settembre accenderà si riflettori  sul mondo delle rinnovabili.

Il Festival, organizzato dalla Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con Tis Innovation Park, verrà tenuto a battesimo da nomi di fama mondiale. Tra i vari citiamo il premio Nobel per la Pace Rigoberta Menchu Tum, Jeremy Rifkin, il filosofo e psicanalista Miguel Benasayag, il presidente di Telecom Franco Bernabè, Kenneth Paul Morse del MIT, il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini ed il collega all’Istruzione Francesco Profumo.

Il centro della scena verrà però occupato da piccole e medie imprese locali e da colossi mondiali come IBM, Cisco, Siemens, Telecome e Ferrari.  E così, per le vie del centro sarò un proliferare di strutture ed installazioni che sembrano giungere direttamente dal futuro.

Si potranno ammirare tecnologie verdi e fonti energetiche, laboratori e workshop per grandi e piccini, in 14 differenti location, tra cui la tradizionale Piazza Walther e l’innovativo Museion. Durante la tre giorni, ci sarà una vera e propria  expo permanente, con ingresso gratuito.

Tra gli stand si potranno provare simulatori di eco-driving, biciclette e scooter elettrici. Ci sarà anche una stazione di rifornimento a energia solare, un’officina per svelare tutti i segreti e le tecniche di lavorazione della pietra e la cucina, con alcuni ristoranti pronti a proporre piatti innovativi con l’utilizzo di ingredienti locali e biologici.

In agenda ci sono relazioni e forum di discussione che sensibilizzano e informano sui temi di innovazione, nuove tecnologie ed economia etica. Un ulteriore appuntamento inserito nel Festival è rappresentato dalla Lunga Notte della Ricerca, un itinerario alla scoperta dei laboratori di conoscenza bolzanini.

Grazie all’impegno dell’Accademia Europea di Bolzano, della Libera Università di Bolzano e di Tis, i visitatori ‘notturni’ potranno eseguire esperimenti, osservare al miscroscopio, costruire e scoprire i segreti e le meraviglie della scienza.

Per saperne di più, vi invitiamo a visitare il sito dedicato all’evento.

Articoli correlati

Un commento

  1. poiche’ avere Bolzano in Italia ci costa un mucchio di soldi, sfruttiamo l’ingegno e l’organizzazione altoatesina per beneficiarne tutti!! inviterei gli assessori di grandi e piccole citta’ italiane a farci un salto, le spese di viaggio saranno accettate dalla popolazione!! (speck e mele comprese)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button
Close