Notizie

La bufala sulle auto a benzina vietate in Norvegia dal 2015

Una notizia rimbalza allegramente sui social network da un mese a questa parte: ecco la Norvegia, paese illuminato, che proibisce l’immatricolazione delle auto a benzina a partire dal 2015.

La bufala sulle auto a benzina vietate in Norvegia dal 2015

Peccato che si tratti di una bufala, acriticamente ripetuta da una serie di siti e blog (sotto ne elenchiamo alcuni), che, evidentemente, non si rendono conto che la page view in più in questo caso va a discapito della credibilità delle cause ambientaliste.
E che – cosa ancor più grave dal nostro punto di vista – nemmeno si preoccupano di pubblicare una smentita.

Ma veniamo alla bufala, per altro già denunciata il 28 marzo scorso.
E’ proprio una notizia di questo blog, vecchia di tre anni, ad essere stata ripresa acriticamente da parte della blogosfera italiana negli ultimi tempi.

Di fatto, quella della messa al bando delle macchine a benzina in Norvegia a partire dal 2015 è stata solamente una dichiarazione datata Aprile 2009 da parte dell’ex-ministro delle Finanze norvegese Kristin Halvorsen.
Dichiarazione encomiabile, ma che si è persa nel frattempo nella discarica delle buone intenzioni che non hanno avuto seguito.
Su questa dichiarazione, assai ottimista, Petrolio fece appunto il suo articolo 3 anni fa.

Ma che succede tra marzo e maggio 2012? Succede che alcuni siti e blog italiani riprendono la notizia acriticamente.
E fin qua, diciamo noi, va bene, a chi non è mai capitato di credere in qualcosa di non vero, ma ripetuto dai più?

Il problema è un altro.
Noi siamo soliti dire che la grande forza della rete sta (anche) nella sua capacità di autocorreggersi.
Peccato che in nessun caso i siti di cui sopra abbiano sentito bisogno di pubblicare una rettifica.
E’ grave, perché queste cose minano anche la credibilità non tanto e non solo della causa ambientalista, quanto anche della rete stessa. Che in Italia, evidentemente, non è ancora così matura e non è ancora trattata col senso di responsabilità che meriterebbe.

E voi, cosa ne pensate?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close