Spesa di stagione: i prodotti del mese di luglio

di Carmen del 3 luglio 2011

Luglio è il momento d’oro per la frutta. Le albicocche giungono al loro grado ottimale di maturazione e arrivano anche le susine, conosciute per le proprietà lassative e diuretiche, ricche di vitamina A e potassio, devono essere acquistate non troppo dure e “pallide”. Poi c’è la ciliegia, succosa e dolce che contiene vitamine, fibre e sali minerali ed è un ottimo diuretico. Importante che abbia il picciolo e va sempre lavata accuratamente prima di essere consumata. Famosa perché la più dolce, la varietà di Vignola, color rosso scuro.

Le ultime fragole sono a Luglio ma al loro posto arrivano altri frutti come i fichi e l’anguria. Contengono entrambe vitamine, ferro e potassio. Sono lassative e anti-infiammatorie. I fichi fioroni, detti anche primaticci, maturano in giugno e in luglio mentre i forniti sono quelli di agosto. A settembre ci sono i tardivi. L‘anguria inoltre è piena d’acqua, quindi è perfetta per dissetarsi a zero calorie. Matura ulteriormente se lasciata a temperatura ambiente per qualche giorno.

Anche a Luglio c’è il melone ma arrivano anche le pesche, di cui si può consumare anche la buccia, che contiene pectina, utile per regolare l’intestino. Ad alto tenore di vitamina A e C è un ottimo dissetante. Si può fare uno smoothie alle pesche con l’aggiunta di gelato alla crema, dolcificandolo ulteriormente con il miele e una punta di cannella in polvere.

Ma anche l’offerta di verdure è abbondante: bietole, melanzane, zucchine, insalate di vario tipo, fagiolini, cetrioli, ravanelli, peperoni verdi, gialli e rossi. Insomma una carrellata di colori e allegria che farà senz’altro bene al nostro buonumore e soprattutto alla nostra dieta. Perché mangiare cibi sani è consigliato da tutti. E la verdura cruda ancora di più. Lo sanno bene le star di Hollywwod che seguono la Raw Diet, una tendenza alimentare che consiglia di nutrirsi soltanto con alimenti crudi. Non solo frutta e verdura, ma anche carne e pesce sono consumati crudi. È una dieta che, se sbilanciata, può diventare pericolosa perché alcuni alimenti, come le uova, andrebbero cotti per scongiurare il rischio di salmonella, ad esempio.

Da qualche settimana hanno fatto capolino anche i pomodori. C’è chi li preferisce all’insalata conditi con un pò d’olio fresco. Oppure cotti in acqua bollente e passati per fare la salsa di cui ogni famiglia ha la sua ricetta. I pomodori, soprattutto quelli grandi e tondi, i cuori di bue, sono ottimi in insalata ma anche ripieni di riso, di orzo oppure carne. Sono anche l’accompagnamento preferito delle friselle leccesi, un pane biscottato che bagnato con un po’ d’acqua e amalgamato con i pomodori diventa il piatto estivo preferito da Bari in giù dopo una giornata di mare e di sole.

Luglio è anche il mese del pesce azzurro: acciughe, sardine, sgombri, triglie ma anche muggini, dentici, naseli, orate, pesci spada e spigole. Contengono antiossidanti, vitamine e proteine nobili a basso contenuto di grassi e lipidi. Aiutano a digerire grazie alla presenza di sali alcalini.

Tuttavia, a differenza della carne che può essere consumata anche a distanza di qualche giorno, il pesce, soprattutto col caldo, ha vita breve e va mangiato nell’immediato. Meglio assicurarsi che il prodotto non sia congelato e che presenti un colore azzurro vivido. Andare per mercati è un’usanza che abbiamo perso eppure molte delle migliori spese si fanno nei mercati rionali piuttosto che fra gli scaffali monocratici dei supermercati. E non solo si fanno ottimi affari ma anche buone amicizie. Per questa estate, tutti al mercato!

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Paola luglio 7, 2012 alle 9:41 am

La varietà di ciliegie più dolce è la “Ferrovia”,in assoluto

Rispondi

Leave a Comment

{ 1 trackback }