Ambiente

La vita sulla terra è a rischio, è ufficiale

La vita sulla terra – sia degli uomini che di molte specie animali – sembra veramente a rischio, almeno secondo gli scienziati svedesi e australiani.

Gli scienziati hanno già lanciato l’allarme e ribadito più volte che la vita sulla terra è in pericolo: molte specie viventi, essere umani inclusi, potrebbero scomparire in poco tempo. Ad alimentare il dibattito sull’argomento gettando nuove ombre sul futuro del nostro Pianeta e dei suoi abitanti, sono intervenuti due recenti studi condotti da ricercatori internazionali dell’Australian National University e del centro svedese StockholmResilience Centre, guidati dal prof. Will Steffen, i cui risultati sono stati pubblicati sulle autorevoli riviste Science e Antropocene Review e resi noti durante i seminari del World Forum di Davos, che si svolge ogni anno alla fine di gennaio.

La vita sulla terra è a rischio, è ufficiale

Leggi anche:

Le conclusioni a cui sono giunti gli esperti sono inquietanti: l’uomo sta erodendo le risorse naturali del Pianeta e i sistemi di supporto vitali a ritmi mai visti negli ultimi 10.000 anni.

Come se ciò non bastasse, il degrado ambientale ha raggiunto il suo culmine, le quantità di gas serra liberati nell’atmosfera sono ormai a livelli insostenibili e 4 dei 9 processi necessari a garantire la sopravvivenza sulla terra hanno superato i livelli di guardia. Detto in altre parole, stiamo rendendo il nostro Pianeta un luogo letteralmente invivibile.

I processi che risultano essere ormai fuori da ogni controllo riguardano nella fattispecie:

  • gli effetti generati dal cambiamento climatico direttamente collegati all’azione umana
  • la perdita di integrità della biosfera
  • Il cambiamento del sistema terra
  • l’alto livello di prodotti chimici riscontrati nei mari e negli oceani a causa dell’uso eccessivo di diserbanti e fertilizzanti in agricoltura.

Gli studi, durati cinque anni, hanno stabilito che mai come negli ultimi 60 anni la Terra aveva conosciuto simili cambiamenti e che i processi in atto stanno trasformando il nostro Pianeta in un luogo del tutto inospitale alla vita umana.

stockholm resilience centre
La vita sulla terra è a rischio, è ufficiale

Laconico il commento del responsabile della ricerca, Will Steffen, che sembra anche piuttosto scettico sulla capacità di adattamento dell’Uomo a questo nuovo scenario: “E’ evidente che il sistema economico ci stia portando verso un futuro insostenibile e la generazione dei nostri figli troverà sempre più difficile sopravvivere. La storia ci ha dimostrato che le civiltà si sono evolute, accresciute, sono poi rimaste attaccate ai loro valori ed usi fondamentali ed infine crollate per l’incapacità di cambiare. Ecco dove siamo oggi“.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button
Close