Leo Di Caprio e il… Karma. Un’auto elettrica per il divo americano!

di Claudio Riccardi del 5 settembre 2012

La notizia è di quelle un pò datate ma fa sempre piacere se anche il mondo di Hollywood si espone a favore della mobilità sostenibile. E in particolare una star come Leonardo Di Caprio.

L’attore ha deciso di metterci la faccia, è infatti stato infatti testimonial di Fisker Automotive, casa automobilistica impegnata nella realizzazione di veicoli ibridi e a basso impatto ambientale. Ma non solo la faccia. Di Caprio è  anche socio finanziatore del produttore californiano e dovrebbe essere coinvolto attivamente nei piani futuri di sviluppo dell’azienda sia in termini di nuovi lanci sul mercato che strategie di marketing.

SPECIALE: Auto ibride 2015, il listino aggiornato

L’attore di tanti film di Martin Scorsese partecipa spesso ad iniziative di sensibilizzazione verso la natura. E infatti Fisker si è impegnata a sostenere la Fondazione Leonardo Di Caprio, impegnata attivamente in molte iniziative volte ad assicurare un futuro sostenibile al pianeta e ai suoi abitanti.

Di Caprio ha ricevuto il primo esemplare di Karma, il modello d’esordio della Fisker. Si tratta di una vettura dalle linee accattivanti e sportive, con un motore elettrico accoppiato a un propulsore a benzina. Una scelta che si traduce in consumi ed emissioni nocive ridotte.

Fisker dichiara di aver utilizzato per la sua Karma materiali interamente riciclabili e tecnologie eco-compatibili in ogni fase del processo di sviluppo della vettura. Tanto per farsi un’idea, Karma propone inserti in legno ottenuti da legname di recupero e rivestimenti in ‘pelle ecologica’, che è pelle sintetica e non vera.

Con la berlina Atlantic, presentata lo scorso aprile, Fisker ha compiuto ulteriori passi in avanti, che saranno oggetto di un prossimo approfondimento.

E se il primo esemplare fosse consegnato ad una persona normale (che magari non se la può neppure permettere) invece che ad un ricco divo americano?

Leggi anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment