L’isola di Spitsbergen e il riscaldamento globale

di Elle del 9 settembre 2015

Si sente ormai da tempo parlare del problema del riscaldamento ambientale, ma spesso sembra che ci si aggrappi più a pareri ed opinioni talvolta contrastanti, seminando scetticismo tra chi non è ancora del tutto convinto sia un problema da affrontare con una certa tempestività.

L’isola di Spitsbergen, la più grande dell’arcipelago Svalbard, in Norvegia è diventata negli ultimi anni il termometro del cambiamento climatico in atto nel nostro Pianeta; per essere più precisi, l’indicatore principale del riscaldamento globale in corso si colloca nel piccolo insediamento di Ny-Alesund, nella parte nord-occidentale dell’isola di Spitsbergen.

In effetti, in corrispondenza di questa località a circa mille chilometri dal Polo Nord, tra il mare di Groenlandia e il mare di Barents, si trova un fiordo il cui congelamento si è arrestato nel 2007, mentre in precedenza, negli anni ’90 in particolare, lo si poteva percorrere tramite le motoslitte; si è quindi gradualmente registrato un aumento straordinario della temperatura tra 1 e 1,2 gradi, ben al di sopra della media globale, se si considera che essa tende ad innalzarsi di 0,8° ogni decennio a partire dalla rivoluzione industriale.

Considerata la peculiarità climatica di questa località, ricercatori proveniente da tutto il mondo, inclusa l’Italia con la sua Base Artica Italiana Dirigibile Italia, si sono radunati in questo insediamento, ormai interamente dedicato alla ricerca, allo scopo di analizzare e controllare gli effetti del cosiddetto ‘global warming’ grazie all’utilizzo di sofisticate apparecchiature; il progressivo arretrare del fronte dei ghiacciai costieri di centinaia di metri all’anno e la comparsa di nuove specie marine sono alcuni tra i più eclatanti effetti visibili di questo fenomeno.

Questo osservatorio climatico privilegiato sulle sorti del nostro Pianeta, a breve distanza dal Polo Nord, evidenzia pertanto come i notevoli cambiamenti in corso non tarderanno a produrre conseguenze ed importanti ripercussioni in un futuro che si appresta ad essere sempre più vicino.

LEGGI ANCHE:

Le Nazioni dovrebbero tenere questi studi ben presenti quando prendono le loro decisioni in materia di politche ambientali, invece di rimandare continuamente leggi necessarie alla salvaguardia delle risorse ambientali e piani energetici rinnovabili. Presto potremmo ritrovarci con la torre di Pisa sottacqua…

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment