Lo stadio fotovoltaico è realtà in Italia grazie all’Hockey Appiano

di Jonas del 6 Gennaio 2011

Di ritorno da qualche giorno in SudTirolo, non poteva non cadere l’occhio su una struttura del tutto particolare: uno stadio del ghiaccio con il tetto interamente coperto da pannelli fotovoltaici.

Lo stadio fotovoltaico è realtà in Italia grazie all’Hockey Appiano

Lo stadio del ghiaccio in questione si trova ad Eppan / Appiano, comune in provincia di Bolzano noto anche come “Appiano sulla strada del vino” o “Terra dei castelli, laghi e vini”.

Lo stadio ospita le partite degli Eppan Pirates, attualmente in serie A2 del campionato italiano (sito: http://www.hceppan.it/). Facendo due chiacchiere coi locali, si apprende che il palaghiaccio, costruito negli anni ’90, è stato ricoperto solo l’anno scorso interamente di pannelli fotovoltaici e ribattezzato Photovoltaik Arena Eppan.

Ben 2.200 mq di pannelli fotovoltaici, che consentono alla società dell’Hockey Appiano non solo di provvedere al fabbisogno di energia elettrica, della Photovoltaik Arena Eppan, ma anche cedere l’eccedenza di energia elettrica prodotta al Comune di Appiano, che la redistribuisce alla cittadinanza.

Per la società di hockey e lo sponsor/installatore, un investimento e una forma di collaborazione migliore di tante sponsorizzazioni che spesso vengono “bruciate” in spese non produttive: una forma di collaborazione che rende lo sport maggiormente autonomo e meno dipendente dai sussidi pubblici, cosa fondamentale soprattutto per quegli sport comunemente definiti “minori”.

Che dire? E’ vero che quella dello “stadio fotovoltaico” non è certo una novità (a Taiwan nel 2009 venne inaugurato un maestoso stadio interamente indipendente dal punto di vista energetico, grazie alla copertura fotovoltaica), ma per il nostro paese è una bella lezione che stavolta viene dal mondo dello sport e dell’hockey in particolare.

Complimenti alla dirigenza dell’Eppan / Appiano!

[Tutte le immagini tratte dal sito: http://www.hceppan.it/]

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment