Notizie

Lombardia: nuove linee guida su rinnovabili?

Geotermia, fotovoltaico, per farla breve, fonti rinnovabili. L’estate alle porte sarà cruciale per la Regione Lombardia, che intende dotarsi di nuove linee guida per quanto concerne la gestione e la produzione di energia per uso civile e industriale. Dell’argomento si è parlato in diversi incontri tra forze politiche e rappresentative dei settori produttivi,  come il convegno “Nuove energie, nuova economia: etica, tecnologia, sostenibilità“, organizzato dalla Fondazione Lombardia per l’Ambiente.

Lombardia: nuove linee guida su rinnovabili?

Tra i presenti anche l’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Reti, Marcello Raimondi, che ha lanciato un messaggio chiaro: “La Lombardia è la Regione di riferimento per le rinnovabili in Italia,  alla ricettività di cittadini e imprese dobbiamo rispondere con una regolamentazione adeguata“. Cercando di sfruttare anche il Decreto governativo del 10 settembre 2010 (Linee guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili) , che garantisce alle Regioni piena facoltà nel decidere i criteri da impostare in questo ambito.

geotermia
La geotermia, pilastro delle linee guida sulle energie rinnovabili della Regione Lombardia

Tra i palazzi milanesi potrebbe prendere forma una vera e propria riforma organica, un passo in avanti ulteriore rispetto al “Piano per la Lombardia Sostenibile”  che ha visto l’ente mettere sul piatto 1 miliardo di investimenti pubblici in 5 anni. La stessa Regione richiede sin dal 2007 la certificazione energetica degli edifici, soluzione adottata per ridurre le emissioni di particolato nell’aria, sulle quali incidono per il 30% gli impianti di riscaldamento civile.

Le soluzioni potrebbero arrivare dalla geotermia, prelevando con delle sonde  l’acqua dal terreno e utilizzandola sia per riscaldare che  per rinfrescare. Occhi puntati anche sul fotovoltaico, a patto però che non diventi occasione di speculazione a danno dei terreni agricoli, e cercando di sostenere le imprese del territorio. “Nel recente decreto sul nuovo conto energia – ha ricordato Raimondi –  il Governo ha accolto la nostra richiesta di riconoscere premi aggiuntivi per gli impianti prodotti in Italia e nell’Unione Europea, una forma di tutela per le nostre aziende. Su queste competenze sappiamo di dover puntare per il nostro avvenire energetico“.

Articoli correlati

Un commento

  1. OGGI L’ENERGIA ALTERNATIVA E’ INDISPENSABILE E QUINDI VI CONSIGLIO DI FARE QUESTO INVESTIMENTO PER AVERE UN TORNACONTO ALQUANTO POSITIVO . PER INFORMAZIONE SUGLI IMPIANTI TELEFONATEMI AL N°3933678696. IN BOCCA AL LUPO LEANDRO SEMPRE VICINO A VOI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close