Nissan Leaf: in Giappone alla prova un rivoluzionario impianto per ricaricarle ecologicamente

di KennyG del 1 Agosto 2011

Come noto, una delle riserve che esistono circa la reale sostenibilità delle auto elettriche è data dal fatto che per ricaricarle ci vuole energia, e tanta, che spesso non è prodotta da fonti rinnovabili e che la cui produzione comporta emissioni di CO2.

Nissan Leaf: in Giappone alla prova un rivoluzionario impianto per ricaricarle ecologicamente

Non solo, ci si interroga anche su che fine facciano a fine vita le vecchie batterie agli ioni di litio: esisterà il modo di riciclarle, o meglio ancora riusarle ecologicamente?

SPECIALE: Auto elettriche 2013, il listino completo

A questo stanno pensando presso il quartiere generale Nissan e una soluzione è in fase di test presso l’impianto di Yokohama in Giappone.

Si tratta infatti di una stazione di ricarica che usa energia elettrica prodotta da panelli fotovoltaici (e fin qui nulla di nuovo).

L’aspetto innovativo è dato dal fatto che l’energia solare così prodotta viene immagazzinata in vecchie batterie di Nissan Leaf, che evidentemente si prestano per funzioni di storage.

Ecco come vengono usate alcune batterie al litio di vecchie Nissan Leaf per immagazzinare energia da destinare alle ricariche e prodotta da un impianto solare sperimentale – © Nissan

Ecco dunque un ingegnoso sistema per donare nuova vita a vecchie batterie e fare buon uso di energie prodotte da fonti rinnovabili.

Non solo: secondo Nissan, questo sistema di ricarica potrebbe funzionare 24 ore su 24, dal momento che durante le ore nottune, l’energia elettrica usata per le ricariche proverrebbe dai battery pack usati per immagazzinare energia prodotta di giorni.

Un tale sistema, secondo Nissan, avrebbe la capacità di ricaricare qualcosa come 1.800 Nissan Leaf su base annuale.

E, soprattutto, potrebbe dare alla Nissan Leaf rinnovata credibilità in termini di impatto zero.

Articoli in tema:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment