Ora c’è Foto RAEEporter per catturare l’elettrodomestico abbandonato!

di Rossella del 14 Aprile 2011

I grandi e piccoli oggetti elettronici ed elettrici che popolano le nostre case e ci facilitano la vita quando sono arrivati ad un certo punto della loro onesta “carriera” diventano obsoleti o non funzionano più. E allora dove li mettiamo? Cosa ne facciamo?

Ora c’è Foto RAEEporter per catturare l’elettrodomestico abbandonato!

Molti pensano che si possano buttare nel cassonetto magari si spingono a metterli nella plastica, così, senza pensieri. Altri se ne sbarazzano gettandoli in un angolo poco frequentato della città o addirittura in campagna, nelle scarpate, su di una spiaggia…

Invece esiste un modo corretto ed eco-sensibile per smaltire questo tipo di rifiuti: riciclarli! Perché sono ricchi di componenti anche preziosi che possono trovare nuove applicazioni ed elementi tossici che invece vanno eliminati attentamente per non danneggiare l’ambiente.

E allora per insegnare cos’è e in che cosa consiste il riciclo dei cosidetti RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) dal 13 aprile è attiva “Foto RAEEporter 2.0“, una campagna di sensibilizzazione al corretto riciclo degli elettrodomestici usati ormai giunta alla seconda edizione.
Promossa da Legambiente ed Ecodom – il maggiore consorzio volontario privato italiano dedicato al riciclo degli elettrodomestici – l’iniziativa vuole spingere l’attenzione sul problema del loro scorretto o mancato riciclo.

Come partecipare?

Bisogna registrarsi sul sito di RAEE e poi fotografare o filmare i RAEE (frigoriferi, lavatrici, tv…) abbandonati che si trovano per strada e nelle discariche abusive. Sul sito si caricano gli scatti e i video di denuncia ed Ecodom li segnalerà all’ente competente per far ritirare gli elettrodomestici abusivi perché per i RAEE il problema è la raccolta!

Articoli correlati al riciclo dei RAEE:
RAEE: nuova normativa sullo smaltimento degli elettrodomestici usati
Come si riciclano gli elettrodomesticiSmaltimento vecchi elettrodomestici: il 55% non è smaltito in modo corretto

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment