Risparmio energetico

Orange Solar Concept, un prototipo di tenda solare

Uno dei limiti maggiori della vita da campeggio è l’assenza di corrente elettrica. A meno che non siate alla ricerca di un weekend fuori porta alla “into the wild“, nella maggioranza dei casi si è costretti ad alloggiare nei camping per poter usufruire dell’energia necessaria per l’illuminazione, la ricarica del cellulare e chissà cos’altro.

Orange Solar Concept, un prototipo di tenda solare

Fortunatamente questa è l’era della sperimentazione nel campo delle rinnovabili e per essere competitive molte aziende stanno investendo su questo settore, facendo uscire prodotti impensabili.

SCOPRI ANCHE: Una tenda tutta di sughero

Grazie all’integrazione dei moderni pannelli fotovoltaici in particolari tessuti è possibile avere una tenda solare che accumuli da sola tutta l’energia di cui abbiamo bisogno.

Lo studio di design americano Kaleidoscope e la compagnia telefonica francese Orange hanno pensato di unire i loro sforzi per produrre delle tende ad hoc per i frequentatori del festival musicale di Glastonbury. Naturalmente la tenda solare potrà essere usata da tutti quelli che sono amanti della natura ma non rinucerebbero mai ai loro gadget tecnologici in qualsiasi momento, compreso internet.

Questa tenda è ricoperta da un tessuto fotovoltaico dotato di tre strutture mobili che si muovono seguendo la rotazione del sole. In più c’è un sistema di localizzazione basato sulla tecnologia di identificazione a radio frequenze (RFID) che consente di individuare subito la propria tenda attraverso un sistema di illuminazione, evitando magari lo spiacevole inconveniente di entrare nella tenda sbagliata in piena notte!

GUARDA LA:  tenda-amaca sospesa nel parco

Un sistema di gestione wireless può calcolare la quantità di energia disponibile e il relativo consumo, nonchè garantire l’accesso ad internet.

Nel kit della tenda è prevista una borsa di ricarica wireless per cellulari e altri dispositivi portatili, evitando ai campeggiatori di portare in giro cavetti e fili, che spesso finiscono con l’aggrovigliarsi o scompaiono ‘magicamente’ in fondo a qualche borsone.

Ma non è tutto, perché il pavimento della tenda si riscalda automaticamente quando la temperatura esterna scende sotto un livello prestabilito.

Più che una tenda a noi sembra una mini-laboratorio portatile dotato di tutti (troppi?)  comfort… e poi chi l’ha detto che si debba necessariamente partecipare al fangoso festival inglese di musica pop per acquistarla?

SE TI E’ PIACIUTO, VAI A: Longitude 131, un eco-camping di lusso perduto nell’outback 

Altri prodotti utili per il campeggio:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button