Orti urbani: ecco l’Identikit del contadino di città

di Maura Lugano del 2 Luglio 2012

Non più orti urbani solo in città ma direttamente in casa, su balconi e terrazzi. Ve ne abbiamo parlato spesso, è la nuova tendenza che vede gli appartamenti urbani colorarsi di ‘green’.

Orti urbani: ecco l’Identikit del contadino di città

Approfondimento: Come farsi l’orto urbano

Questo movimento spontaneo e in controtendenza con i ritmi e lo stile di vita delle città prende il nome in inglese di Urban farming

Secondo la CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) raggiungono quota 4,5 milioni i coltivatori diretti che hanno scelto di dare spazio al ‘pollice verde’ nel proprio ambiente domestico.

Ma chi sono i moderni contadini di città?

Il profilo dell’ urban farmer ‘tipo’ tracciato dalla CIA lo descrive in media 45enne, di buona istruzione, dotato di sensibilità ambientale e con una certa disponibilità di tempo libero per prendersi cura delle proprie piantine. È diplomato circa un urban farmer su due, mentre il 30 % ha un’istruzione universitaria.

Più solitamente insegnanti o impiegati, tra i coltivatori di orti urbani si trovano anche pensionati che, in tempo di crisi, cercano di risparmiare attraverso la coltivazione diretta che spesso appartiene ad una tradizione di famiglia non dimenticata.

Anche gli studenti universitari (5 %) sembrano appassionarsi a questa nuova tendenza ispirata ai sempre più necessari principi del vivere eco-friendly.

Insomma, che siano zucchine, lattughe, peperoni o pomodori l’importante è mangiare alimenti freschi e sani motivati dal desiderio di nutrirsi di ciò che si è direttamente coltivato e visto crescere.

Continua ad approfondire:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment