Normativa

Per il 2016 arriva una nuova normativa semplificata a tutela di frutta e verdura

Nel 2016 frutta e verdura dovrebbero essere meglio tutelate grazie a una nuova normativa europea semplificata, che passerà da 70 a 5 atti legislativi: l’obiettivo della Commissione Europea è quello di eliminare le ambiguità e le distorsioni dell’attuale quadro normativo, a favore di un sistema più semplice e che tuteli in maniera più efficace i consumatori del vecchio continente.

Per il 2016 arriva una nuova normativa semplificata a tutela di frutta e verdura

Sarà inoltre snellito l’insieme degli adempimenti di ordine burocratico legato a procedure ed oneri amministrativi che gli addetti ai lavori devono affrontare quotidianamente.

LO SAPEVI? L’UE approva la frutta “tatuata”, con il tatuaggio al laser al posto dei bollini

Nel nuovo approccio delineato dalla normativa che entrerà in vigore nel 2016 uscirà rinforzato anche il ruolo dell’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), che sarà uno strumento essenziale nell’analisi dei rischi lungo tutta la filiera alimentare e che si potrà avvalere di consulenze scientifiche indipendenti per identificare i rischi esistenti ed emergenti.

Giorgio Donegani, tecnologo alimentare presidente di Food Education Italy e membro del Comitato di supervisione del progetto “Fruitylife – Frutta e verdura, sana e sicura” saluta con favore il nuovo quadro normativo europeo: “La semplificazione non può che portare più chiarezza per i produttori e per i controllori e vantaggi in termini di sicurezza alimentare per i consumatori“.

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close