Notizie

Piano europeo sul rendimento energetico in edilizia: Italia indietro e ora deve vedersela con la UE!

Italia inadempiente rispetto al piano europeo sul rendimento energetico in edilizia. E il caso finisce sul tavolo della Corte Europea che quasi sicuramente procederà con pesanti sanzioni. È questa la triste situazione del nostro paese in tema di efficienza energetica negli edifici che rischia di concludersi con l’ennesima ammenda da Bruxelles.

Piano europeo sul rendimento energetico in edilizia: Italia indietro e ora deve vedersela con la UE!

Il problema principale è che la nostra normativa non collima con quanto stabilito nelle disposizioni europee dei certificati energetici, strumenti che consentono di avere un quadro chiaro dei consumi di un edificio e dei relativi costi. Un documento obbligatorio, dunque, in fase di costruzione, compravendita o affitto di un immobile. Obbligatorio per l’UE, ma non per la legge italiana che non lo contempla per tutti gli edifici e prevede ampie deroghe per i tecnici abilitati.

Altra nota dolente è quella relativa alla mancata comunicazione delle misure ispettive dei sistemi di condizionamento dell’aria, previste dalla normativa europea per avere un monitoraggio periodico sull’efficienza dei sistemi di trattamento dell’aria e delle possibili migliorie apportabili.

Complessivamente, gli edifici sono responsabili di circa il 40% dei consumi energetici totali e del 36% delle emissioni di CO2, ecco perché lo sforzo dell’Unione Europea per cercare di ridurli non è mai stato così importante.

Il 50% delle riduzioni devono essere realizzate entro il 2020 proprio dagli stati membri, attraverso specifici interventi sugli edifici. Entro tale anno, inoltre, tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere certificati a energia quasi ‘zero’.

Mission impossibile o obiettivo raggiungibile perfino per la letargica legislazione italiana?

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close