Notizie

Poligono di Quirra:ordinata riesumazione dei corpi di 20 pastori

Nuova svolta nell’indagine sui casi di tumore rilevati negli ultimi 30 anni nelle persone che vivono vicino al Poligono di Quirra in Sardegna e che si sospetta siano stati causati dai test con armi all’Uranio impoverito condotti nel poligono stesso.

Poligono di Quirra:ordinata riesumazione dei corpi di 20 pastori

Il procuratore della Repubblica di Lanusei Domenico Fiordalisi ha decretato la riesumazione di venti allevatori residenti nei comuni limitrofi al poligono di Quirra e morti fra il 1995 ed il 2010 a causa di tumori al sistema linfo-emopoietico: i corpi verranno analizzati da un fisico nucleare per accertare l’esposizione all’uranio.

Avevamo fatto il punto sul caso del Poligono di Quirra in questo post: Poligono di Quirra: Uranio impoverito, una storia di veleni che (forse) arriva al capolinea e speriamo davvero che si faccia luce su questa vicenda per nulla trasparente.

Articoli correlati

Un commento

  1. La verità inizia a venire a galla: nesuna traccia di uranio impoverito sui bersagli impiegati nelle esercitazioni! …difficilmente sarà possibile trovarne nel territorio, infatti finora nessun rilievo ne ha dimostrato la presenza. In ogni caso vorrei far notare che il tasso di mortalità della zona di Quirra è al di sotto della media nazionale, Perdasdefogu poi è una zona caratterizzata dalla longevità della popolazione tanto da inserirla nel progetto GENOS, …e dalle indagini non è ancora risultato nulla che non sia attività addestrativa e di tiro proprie di un poligono militare. Senza uranio viene poi a decadere la questione legata alla sindrome legata ai balcani. Il territorio è senza dubbio inquinato, da metalli pesanti, che in particolar modo si riversano nella baia di Quirra (dove ci sono gli allevamenti) dove sfocia il fiume che arriva dalle miniere di Baccu Locci, …”causa ed effetto”: io ragiono per nesso di causalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button