Notizie

Politica agraria comunitaria: dal 2013 sarà più eco e sostenibile?

Sembra che anche il mondo dell’agricoltura stia virando verso politiche più vicine all’ambiente.

Politica agraria comunitaria: dal 2013 sarà più eco e sostenibile?

Lo dimostra l’obiettivo fissato dall’Europarlamento che dal 2013 intende promuovere politiche agricoli sostenibili, eque e competitive anche attraverso incentivi economici offerti agli agricoltori per utilizzare tecniche moderne ed eco-compatibili.

Questa risoluzione europea è in linea con gli impegni sottoscritti nel contesto del G20 che chiede un sostegno finanziario consono alle sfide che il mondo dell’agricoltura è chiamato ad affrontare.

La politica agricola comune (PAC) mira a supportare questo bilancio a lungo termine fino al 2020 per supportare alcuni obiettivi di fondamentale importanza:

  • garantire la sicurezza dei prodotti alimentari;
  • proteggere l’ambiente;
  • offrire nuovi posti di lavoro;
  • assicurare la competitività del settore agricolo comunitario.

Gli eurodeputati propongono di introdurre un massimale per i pagamenti diretti ad ogni agricoltore, tenendo però conto delle dimensioni delle aziende agricole e dei criteri oggettivi di occupazione e delle pratiche sostenibili.

Per evitare lo sperpero di finanziamenti pubblici sarebbe opportuno riservare i pagamenti diretti agli agricoltori che effettivamente utilizzano la terra per la produzione: sembra ovvio ma i rischi di elargire finanziamenti senza effettivi benefici sono infatti alti, sarà quindi fondamentatale una difficile ma costante attività di monitoraggio da parte dell’Unione Europea.

Articoli correlati:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close