Categories: Cani

Puli, il cane ungherese dall’aspetto unico al mondo

Cane pastore di origine ungherese ricoperto di pelo lungo a corde

Un cane davvero bizzarro e buffo è il Puli. Cane da pastore di origine ungherese di taglia media, e ha la caratteristica di avere un mantello folto, lungo e di tesitura grande, a corde, simili ai dreadlock. Sia per il suo aspetto che per il suo carattere vivace e giocherellone è spesso scambiato con un altro cane ungherese, il Komondor, che è però più vivace e agile. Il suo pelo a corde è tipico anche del cane pastore bergamasco.

Il suo pelo tutto arruffato è la vera croce e delizia di chi sceglie questa razza di cane, perché il pelo, bellissimo da vedere, è anche molto difficile da mantenere pulito e in ordine. In generale è affettuoso e buono, e si adatta bene alla vita in famiglia, preferibile con giardino. Ma va molto bene anche in appartamento. Si adatta agli spazi piccoli ma rimane un pastore che ha bisogno di frequenti passeggiate. Conosciamolo meglio per capire se questo animale, così docile e riccio, può essere il cucciolo da adottare.

Puli: origini della razza

Sono cani da pastore di origini molto antiche, che probabilmente arrivano dall’Asia. Pare che discendano dal Tibetan Terrier, ma erano utilizzati come cani da lavoro presso le tribù nomadi di Magiari, allevatori di bestiame ungheresi.

Il nome vuol dire ‘conduttore’, proprio a sottolineare la funzione di custode delle greggi. A differenza dei cani da pastore ungheresi a pelo bianco, utilizzati in particolar modo per il lavoro notturno, questi  cani lavoravano cquasi esclusivamente di giorno, probabilmente perché il colore scuro era più visibile alla vista delle pecore. Sono molto agili nell’acqua, tanto da assumere il soprannome di ‘cane d’acqua ungherese‘.

Solo nel 1921 sono inseriti nella lista di razze internazionali e oggi sono da considerarsi quasi esclusivamente  cani da compagnia e da esposizione, facili da addestrare, meno da toelettare.

Puli: carattere e personalità

Il pastore d’acqua ungherese è dolce e affettuoso, intelligente e fedele. Ma è anche vivace e pieno di energia, soprattutto da cucciolo. Per questo ha bisogno di correre, di fare lunghe passeggiate e di giocare per molto tempo.

Come altri animali da gregge, infatti, si adatta bene alla vita in appartamento ma senza mai rinunciare alle uscite quotidiane e al contatto con la natura, ogni giorno.

Una delle doti caratteriali di questi animali è l’intelligenza: sono in grado di capire le necessità del padrone e delle persone che hanno accanto.

Sensibili e leali, si rivelano ottimi cani per bambini, per persone anziane e per i malati. Perché sono affettuosi e completamente devoti al padrone, grazie al loro un buon carattere, e alla socievolezza anche con gli altri cani.

L’istinto resta quello di proteggere la mandria, in questo caso la famiglia che lo ha adottato. E quindi resta un po’ sospettoso con gli estranei, per questo può essere inserito anche tra i cani da guardia.

Alimentazione e salute

La salute inizia dalla sua alimentazione del cane.

  • cibo fresco, il pasto che deve comprendere riso, pane, verdure e almeno 300 grammi di carne.
  • cibo secco o umido, meglio scegliere quello adatto ai cani di taglia media per fornire il giusto apporto nutrizionale.

Quanto vive il Puli

Rustico e robusto, è un cane in salute che può vivere a lungo, anche fino a 16 anni.

Il pelo del Puli

Di costituzione forte, dal corpo asciutto, nonostante appaia grosso, ha una quantità enorme di folto pelo, che tende a formare delle corde.

La sua caratteristica fisica principale è proprio esser uno dei cani a pelo lungo con tutto il corpo ricoperto dal manto. Questo è composto da un pelo molto spesso, ed un sottopelo molto più fine.

Il suo pelo raggiunge anche i 18 cm di lunghezza, ed può avere diversi colori, da nero, a nero con sfumature rosse, grigio o bianco.

  • Sulla testa il pelo è lungo e copre quasi completamente gli occhi
  • La coda è ricoperta di pelo
  • Il corpo e gli arti sono coperti di pelo lungo che arriva a toccare per terra, spesso arricciato come fossero dreadlock.

Il cucciolo non nasce già ricoperto dai folti ricci. Il mantello folto arriva in età adulta, intorno all’anno di vita, quando la lanugine lascia il posto alle corde.

Il proprietario aiuterà il formarsi dei queste corde separando la lanugine con le mani per circa 3 mesi.

Toelettatura

Il suo pelo così voluminoso e denso ha necessità di molta cura, soprattutto se si tiene in appartamento. Va sottolineato che la cura del mantello è una costante, ed un impegno che bisogna sempre seguire perché la salute e il benessere di questo cane partono proprio da questo.

È non è un gioco da ragazzi! Anche i toelettatori professionisti a volte incontrano difficoltà a mantenerlo pulito e bello. Il suo pelo infatti è composto da “corde” di peli arricciati che ricordano i dreadlock, non è dunque possibile spazzolarli come accade per altri cani a pelo lungo.

Alcuni proprietari preferiscono tagliare il pelo con regolarità, ma gli appassionati di questa razza in realtà reputano che la sua bellezza e particolarità dipenda proprio dal particolare pelo, quindi rifiutano l’idea di tagliarlo. Le corde sono parte dell’identità di questo cane ungherese.

Dove acquistare un cucciolo Puli

I cuccioli devono provenire da allevamenti certificati e allevatori professionisti che possano certificare il suo pedigree e che possano fornire tutti i consigli necessari riguardo le sue fasi di crescita, il suo addestramento in famiglia, la cura del suo manto.

Non è facile trovare allevatori di Puli. In Italia esiste una allevatrice Enci a Cuneo.

Quanto cosa un Puli

Un cucciolo può costare circa 750 euro.

Perché adottare un cucciolo di Puli

Perché scegliere di adottare un cicciolo di cane d’acqua ungherese? Prima di tutto perché in qualità cane pastore, è un animale fedele e affettuoso, molto legato al suo padrone che riconosce come leader e verso il quale dimostra piena devozione.

Un cane davvero buono e docile, mai aggressivo, sia con i bambini sia con gli altri cani.

Perfetto come animale da compagnia anche per gli anziani verso i quali dimostra tutto il suo rispetto e la sua protezione.

Svolge anche funzione di cane da guardia perché diffidente verso gli estranei, abbaia molto e protegge la propria casa, come fosse il suo gregge.

Possiamo essere padroni di un cane Puli?

Va sempre ricordato che nasce in libertà tra la natura e ha bisogno di passeggiate lunghe, giochi all’aria aperta e anche di un bagnetto ogni tanto. Perché questa razza ama molto l’acqua ed è un ottimo nuotatore.

Si adatta facilmente alla vita in appartamento, ma va portato fuori almeno due volte al giorno.

L’unico svantaggio nell’adottare un cucciolo molto peloso, sta proprio nella cura del suo manto. Un impegno da non sottovalutare.

Ha necessità di una manutenzione costante e regolare, e va mantenuto sempre pulito, soprattutto se si vive in appartamento, per:

  • igiene del padrone e della sua famiglia
  • salute dell’animale, che altrimenti può diventare un ricettacolo di parassiti

Prima di scegliere tra le varie razze di cani proprio il Puli, valutate bene se avete intenzione di:

  • portarlo fuori a lungo e spesso
  • provvedere alla sua toelettatura regolarmente
  • pulire casa dai peli ogni giorno
  • impegnarvi a giocare spesso con lui

Approfondimenti consigliati

Ti consigliamo anche questi approfondimenti sulle varie razze di cani da pastore:

Outbrain
Share
Published by
ScriBio

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.