Design

Quando eco-design fa rima con inutile e brutto

In tutto il mondo sta impazzando la domanda di parti di arredamento prodotti con materiali eco-friendly. Ma non tutti sono belli e utili. Come nel caso di uno studente della California e la sua “invenzione”, che ha sollevato un certo sarcasmo in rete.

Quando eco-design fa rima con inutile e brutto

Nick Demarco è uno studente del California College of the Arts, che ha progettato una sedia XS che può essere riempita con qualsiasi cosa si ha in eccesso: vecchi vestiti, riviste o in questo caso, spazzatura e bottiglie. Il prototipo è fatto di vinile, ma Nick dice che i modelli di produzione possono essere costituiti da una maglia in plastica riciclata.

SPECIALE: ecco 6 eco-gadget davvero stupidi!

L’invenzione di Nick lascia alquanto a desiderare, poiché non ci si può sedere comodamente su quella sedia che fa suoni di bottiglie o lattine frantumate. Per altro sarà anche scomoda.

Insomma, un pezzo di design davvero estremo ed inutile che per un attimo ci ha fatto venire in mente alcuni degli usi più improbabili delle energie rinnovabili.

Come si suol dire: non tutti i prodotti eco-friendly riescono col buco.

Ecco anche un’altra foto della tanto discussa poltrona.. giudicate voi!

Una poltrona molto.. discussa

Leggi anche:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close